Rifiuti elettronici? Del computer non si butta niente

plastics-from-e-waste-from-national-geographic-photographer

Questa settimana la puntata di Terranave è dedicata all’e-waste, ovvero i rifiuti elettrici ed elettronici che hanno il tasso di crescita più alto tra i rifiuti industriali.

 

plastics-from-e-waste-from-national-geographic-photographer

 

Spesso questo materiale finisce in Africa, in sconfinate discariche a cielo aperto. Gran parte degli e-waste è composto dai computer, che il più delle volte vengono buttati quando ancora sono funzionanti o aggiustabili.

 

 

“Alle grandi aziende molte volte conviene comprare nuove macchine, piuttosto che aggiornare quelle vecchie, per questioni fiscali ed economiche” spiega Nicolas Denis, della cooperativa Re-ware. Il trashware è la pratica di riciclo dei computer destinati allo smaltimento. In Italia sono decine le cooperative e le associazioni che la mettono in atto ogni giorno, un’attività essenziale per ridurre la produzione dei rifiuti. “Con le nostre iniziative dimostriamo ai cittadini che del computer non si butta niente” conclude Emiliano Russo, di Verde Binario.

 

Per saperne di più:

Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche