8 Apr 2015

“Lo faccio bene Cinefest”: costruire il cambiamento attraverso gli esempi

Scritto da: Redazione

Mostrare esempi positivi e diffondere ottimismo. Il festival cinematografico “Lo faccio bene Cinefest”  è uno strumento a disposizione di tutti […]

Salva nei preferiti

Mostrare esempi positivi e diffondere ottimismo. Il festival cinematografico “Lo faccio bene Cinefest”  è uno strumento a disposizione di tutti liberamente e gratuitamente scaricabile dal web. Si tratta di una rassegna di medi e corto-metraggi che raccontano chi ce l’ha fatta e chi lo sta facendo, oggi, in Italia e nel resto del mondo: un racconto di cambiamenti possibili volto a divulgare e stimolare nuove vie da percorrere.

 

lo_faccio_bene

 

La rassegna Lo faccio bene Cinefest (di cui Italia che Cambia è tra i media partner) è stata corredata da alcuni strumenti, tra cui una “cassetta degli attrezzi”, utile per meglio organizzare il “cinefestival” nelle diverse piazze ospitanti l’evento. Si parte dalle piazze passando per i banchi di scuola, le mura delle case ed i tavoli istituzionali con proposte concrete di indirizzo. Un assaggio di questa programmazione sarà presente l’ 11 e 12 aprile all’iniziativa romana di Raccontiamola Giusta

Al centro dei medi e corto-metraggi vi sono i temi della cooperazione, solidarietà e sostenibilità.
Il progetto nasce dall’incontro, dal confronto e dalla messa in rete di soggetti a vario titolo coinvolti rispetto al cambiamento del sistema attuale, verso un sistema più sostenibile, gioioso, equo e rispettoso delle persone e dell’ambiente.

 

Il festival include anche il Cine-Concorso. Obiettivo del con-corso internazionale di cortometraggi è quello di costruire il cambiamento attraverso racconti di azioni quotidiane, concrete e coerenti per l’economia delle relazioni, l’etica, l’ecologia e la socialità. “Le denunce di tutto quello che non va sono importanti – si legge nel bando  – ma oggi sentiamo anche la necessità di incoraggiare le buone pratiche collettive. Vorremmo che queste ‘storie di cose fatte bene’ trovassero la possibilità di emergere di piazza in piazza, di città in città, di Paese in Paese, attraverso lo strumento del cortometraggio”.

 

La scadenza per i videomaker è il 15 maggio. In settembre invece si apre anche la sezione destinata alle scuole.

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Teatri Riflessi, tra arte e comunità uno sguardo contemporaneo
Teatri Riflessi, tra arte e comunità uno sguardo contemporaneo

Banditismo, balentia e mito del bandito in Sardegna secondo Marta “Jana sa Koga” Serra
Banditismo, balentia e mito del bandito in Sardegna secondo Marta “Jana sa Koga” Serra

Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Biden si è ritirato dalle presidenziali Usa! Che succede adesso? Chi è Kamala Harris? – #968

|

Un coliving rurale come risposta al turismo di massa e allo spopolamento

|

Transizione energetica, speculazione o tutela dell’ambiente?

|

Teatri Riflessi, tra arte e comunità uno sguardo contemporaneo

|

Con Four Seasons Natura e Cultura è sempre il momento giusto per viaggiare e scoprire il fascino dell’esotico

|

Crollo alle Vele di Scampia: un drammatico richiamo alla ristrutturazione urbana e alla sicurezza

|

Hanno arrestato Paul Watson. E noi siamo le vittime o i carcerieri?

|

Casa Primera, per una fuga sostenibile e off grid

string(9) "nazionale"