Cibo per tutti, la nuova campagna di ActionAid

Nell’anno di Expo 2015, ActionAid scende in campo e lancia la grande campagna “Cibo per tutti”, che si pone l’obiettivo di coinvolgere il grande pubblico, le istituzioni e i media sull’esigenza di un cambiamento possibile, per “nutrire" non solo il pianeta, ma anche tutta la popolazione mondiale.

Foto tratta dal sito di ActionAid Italia

Il 16 Ottobre verrà celebrata la trentacinquesima Giornata Mondiale dell’Alimentazione, istituita dalla FAO nel 1981 per sottolineare l’importanza e la necessità dell’impegno di ognuno di noi nella lotta alla fame e alla povertà. In occasione di questa ricorrenza, Actionaid  si è schierata in prima linea per sfidare la fame lanciando la campagna Cibo per Tutti  a cui sarà possibile apportare il proprio contributo dal 27 Settembre al 18 Ottobre 2015.

 

 

Foto tratta dal sito di ActionAid Italia

Foto tratta dal sito di ActionAid Italia

 

La fame è una piaga che secondo le ultime statistiche del WFP (World Food Programme) attanaglia ancora oggi 795 milioni di persone, di cui la stragrande maggioranza si trova nei paesi in via di sviluppo. La scarsa alimentazione è la principale causa di quasi la metà dei decessi dei bambini che muoiono senza raggiungere i cinque anni di età ed è stato calcolato che se le donne avessero lo stesso accesso degli uomini alle risorse, ci sarebbero 150 milioni di affamati in meno sulla terra. Questa situazione è inaccettabile se pensiamo che secondo le stime ufficiali ogni anno vengono sprecati nel mondo 8 miliardi di euro di cibo ogni anno.

Le risorse della terra sarebbero abbastanza per tutti ma la distribuzione diseguale e il consumo scellerato affamano i più poveri. La campagna di Actionaid punta anche alla sensibilizzazione su questo tema perché la consapevolezza è un primo passo per sconfiggere la piaga della fame. Il progetto è concentrato in India e in Etiopia e nel periodo della campagna l’organizzazione ha lanciato una serie di iniziative in tutte le parti d’Italia da Nord a Sud.

 

A Milano, oltre ad essere stati ospitati nei padiglioni di Expo il 7 Ottobre, è stato allestito in Largo La Foppa uno spazio espositivo multi-sensoriale in cui verrà raccontata la storia di Abebech – una bambina etiope – e della sua comunità. L’obiettivo è quello di creare un percorso, dedicato soprattutto ai più piccoli, per scoprire come sarebbe la nostra vita se fossimo nati in una zona di estrema povertà, toccando con mano le difficoltà che i bambini e le loro famiglie devono affrontare giornalmente nelle zone rurali più povere. Dall’altro capo dello stivale, Actionaid porterà la campagna “Cibo per tutti” a Bari, dove parteciperà allo “street food festival”.

 

Numerosi gli eventi in tutto il resto d’Italia. A Roma, Castelli Romani e Napoli sono previsti spettacoli teatrali sul tema del diritto al cibo, a Treviso una mostra fotografica coniugherà il tema dell’attivismo a quello dell’alimentazione. Sono numerosi i volti noti che hanno aderito all’iniziativa, come Enrico Bertolino, Amanda Sandrelli, Enrico Varriale e molti altri. Anche il mondo dello sport scenderà letteralmente in campo a favore della Campagna e la partita Italia-Azerbajan del 10 Ottobre per la qualificazione agli Europei 2016, sarà dedicata proprio a “Cibo per Tutti”. La piaga della fame nel mondo ci riguarda tutti, per mobilitarci e contribuire a sconfiggerla è possibile mandare un sms fino al 18 Ottobre al numero 45599. Dipende da te, da me, da noi.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche