Io faccio così #94 – Tempo di Vivere, un villaggio ecologico per costruire il futuro

Nel cuore dell'Emilia si trova Tempo di Vivere, una comunità di persone che condividono un obiettivo: costruire un nuovo modello di società che sia sostenibile, resiliente e incentrato sulle relazioni umane. Hanno affittato un terreno con un casale, organizzano corsi e laboratori e stanno creando un tessuto solidale con gli altri attori del territorio.

tempodivivere6

Un ecovillaggio, un co-living, una comune, un centro di formazione. Tempo di Vivere è tutto ciò, eppure è qualcosa di ancora diverso. È un casale vecchio e incantevole, situato su un promontorio che domina per chilometri la pianura padana. È un luogo di sperimentazione dove vengono messe in pratica nuove idee per un futuro sostenibile. Ma soprattutto, è un gruppo di persone che vuole dimostrare che è possibile vivere e crescere insieme, come individui e come comunità, per costruire un mondo migliore. Siamo andati a trovarli sulle colline modenesi per farci raccontare la loro storia.

 

 

Quella che abbiamo trovato a Tempo di Vivere è una rara miscela di spiritualità e pragmatismo. Da un lato, una piccola comunità che mette al centro la persona e le relazioni, le emozioni, le necessità, i dubbi e le speranze di ognuno. Senza giudicare, con semplicità e affetto. Dall’altra, un’iniziativa che vuole fornire strumenti concreti per costruire un nuovo modello, interagendo con il territorio e coinvolgendo i cittadini per generare una massa critica.

 

Il progetto, a partire dal nome, nasce da un percorso arduo e doloroso del fondatore, Antonio: «Dopo un periodo difficile della mia vita, ho avuto tanto tempo a disposizione per riflettere grazie all’ospitalità di un amico. Stando da lui ho capito il significato dell’accoglienza, del volersi bene, dell’essere accettato e ho deciso di ricreare la stessa esperienza. Il nome deriva dalla sofferenza che ho attraversato e dalla decisione che ho preso: vivere o morire? Io ho scelto di vivere».

 

tempodivivere4

 

Dopo anni di ricerche, il gruppo – che nel frattempo era diventato più folto – ha trovato la sua casa in affitto fra le colline modenesi. «Questo territorio è molto particolare, qui nacquero le prime comuni agricole», ricorda Ermanno, un altro membro di Tempo di Vivere. «C’è curiosità, molti vengono a trovarci per vedere cosa facciamo. Vogliono capire se è possibile vivere in modo sostenibile anche normalmente, senza essere “strani” o isolati, e trovare delle risposte nella propria quotidianità».

 

Già, perché le attività dell’ecovillaggio sono fortemente proiettate verso l’esterno: «Organizziamo molti corsi e i partecipanti arrivano da tutta Italia. Uno che abbiamo fatto recentemente e che riproporremo anche in futuro è quello per imparare a realizzare una food forest, ovvero un piccolo boschetto o giardino di piante commestibili ed erbe medicinali. Ma le tematiche degli incontri sono le più disparate: permacultura, downshifting, cucina naturale, rimedi naturali, thermocompost, autocostruzione, scollocamento e tanti altri».

 

tempodivivere8

 

I workshop sono un momento importante, sia dal punto di vista relazionale che da quello pratico. Ciascun partecipante porta le proprie competenze e il proprio punto di vista, arricchendo tutto il gruppo. Inoltre, è un aiuto importante per sperimentare e realizzare opere che senza il contributo degli altri non ci sarebbero, come per esempio il forno in terra cruda o la cupola geodetica, entrambi costruiti durante dei laboratori.

 

Un altro degli obiettivi di Tempo di Vivere è raggiungere l’autosufficienza: «Ci autoproduciamo pane, pizza, marmellate, conserve, seitan e tutto ciò che riusciamo a fare da soli», spiega Ermanno. «Abbiamo avviato un orto sinergico, ma vogliamo sperimentare anche altre tecniche di coltivazione. Per quello che non riusciamo ad autoprodurre, abbiamo in programma di fondare un gruppo d’acquisto solidale, poiché la mole di approvvigionamenti che ci serve è ingente e non riusciremmo a entrare in uno già esistente».

 

tempodivivere5

 

L’elemento dell’accoglienza e dell’apertura verso l’esterno è ricorrente. Grazie a open days organizzati con regolarità, le persone possono visitare Tempo di Vivere e capire com’è gestito. Uno dei workshop residenziali proposti – “Vita da ecovillaggio” – consente persino di sperimentare la routine quotidiana per alcuni giorni. Poi, le braccia sono sempre aperte per chi decide di avvicinarsi ulteriormente: «Siamo incentrati sulle dinamiche emotive dell’essere umano», spiega Gabriella, che viene da un percorso professionale di facilitatrice e mediatrice. «Gli ospiti hanno la possibilità di esprimere loro stessi, con autenticità, senza giudizio, in confronto e condivisione».

 

Anche l’aspetto alimentare si coniuga con quello relazionale: «La gestione della cucina è complessa perché siamo tante anime diverse – vegani, vegetariani, onnivori – e ciascuna deve essere accontentata. Quello del pasto è per noi un momento molto importante: mangiamo tutti insieme per celebrare un rito comunitario, di condivisione. Ciascuno svolge la propria attività separatamente durante il giorno, ma a tavola ci ritroviamo tutti».

 

tempodivivere1

 

Antonio, Ermanno, Katia, Gabriella, Simona, i piccoli Isotta e Pietro. Ciascuno di loro si è impegnato profondamente in questo progetto, si è messo in gioco abbandonando casa e lavoro, lasciandosi alle spalle la propria vita precedente. L’obiettivo è dimostrare che è possibile costruire un nuovo modello di comunità partendo dalle relazioni e dagli affetti, fino ad arrivare all’alimentazione, all’energia, al lavoro, all’educazione e a ogni altro aspetto della vita di una persona. E tutto questo si può fare senza chiudersi in sé stessi, senza rinunciare alla socialità, ma – anzi – facendo leva sulla gioia della condivisione per contaminare positivamente chi ci sta accanto.

 

 

Visita il sito di Tempo di Vivere.

 

Visualizza la scheda di Tempo di Vivere sulla mappa dell’Italia che cambia.

 

Visualizza la Rete Italiana Villaggi Ecologici sulla mappa dell’Italia che cambia.

 

 

Per saperne di più leggi:

 

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

 

io-faccio-cosi-libro-70810Francesca Guidotti

Ecovillaggi e Cohousing
Dove sono, chi li anima, come farne parte o realizzarne di nuovi – La risposta ecologica alla crisi economica

 

 

 

io-faccio-cosi-libro-70810a cura di Studio TamAssociati

Vivere Insieme
Cohousing e comunità solidali

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche