Allevamenti di visoni per farne pellicce: i Paesi Bassi confermano il divieto

I giudici olandesi, approvando la legge che vieta gli allevamenti di visoni, hanno stabilito che il benessere e la vita di sei milioni di visoni è più importante degli interessi economici degli allevatori, i quali traggono profitto dallo sfruttamento crudele di questi animali per la produzione di pellicce.

I giudici olandesi approvano la legge che vieta l'allevamento di visoni nei Paesi Bassi

Dopo anni di battaglie legali, la Corte d’Appello dell’Aia ha ripristinato una legge del 2012 
che vietava gli allevamenti di visoni sul territorio olandese. La stessa legge era stata annullata nel 2014 a causa delle proteste degli allevatori che vedevano minacciati i propri interessi. La legge entrerà in vigore nel 2024 e gli stabilimenti dovranno essere gradualmente chiusi entro quella data. Il dibattito politico era iniziato nel 1999, quando era stata presentata una legge per vietare gli allevamenti entro il 2018, ma la proposta non aveva ottenuto la maggioranza.

 

I giudici olandesi approvano la legge che vieta l'allevamento di visoni nei Paesi Bassi

I giudici olandesi approvano la legge che vieta l’allevamento di visoni nei Paesi Bassi

 

L’argomento principale della controversia contro il divieto, in questi sedici anni, è stato sempre lo stesso: l’approvazione della legge potrebbe avere un enorme impatto economico sugli allevatori. I giudici, però, martedì scorso, hanno dichiarato che i produttori hanno nove anni di tempo per chiudere e riconvertire la propria attività, investendo in altre opere, e hanno offerto agli allevatori una compensazione finanziaria di 28 milioni di euro per i costi di dismissione.

“Con questa decisione, i Paesi Bassi hanno stabilito che il benessere e la vita di sei milioni di visoni è più importante degli interessi economici degli allevatori, i quali traggono profitto dallo sfruttamento crudele di questi animali destinati alla produzione di pellicce” ha dichiarato Adam M. Roberts, amministratore delegato della Born Free Usa, una delle 38 organizzazioni che hanno fondato la Fur Free Alliance  la coalizione internazionale costituita per porre fine allo sfruttamento e all’uccisione degli animali per la pelliccia.

 

7a1cbf39-3664-4da4-8f83-425d249511b6

i Paesi Bassi hanno stabilito che il benessere e la vita di sei milioni di visoni è più importante degli interessi economici degli allevatori

 

“Se un paese come l’Olanda è stato in grado di vietare gli allevamenti di visoni, non vi è alcun motivo perché gli altri paesi permettano ancora questa pratica crudele e brutale” ha concluso Adam M. Roberts. I Paesi Bassi sono il quarto produttore mondiale di pelliccia di visone, dopo Cina, Polonia e Danimarca, con 160 allevamenti dove muoiono circa sei milioni di visoni l’anno. Gli animalisti si battono da anni per la chiusura degli allevamenti dove i visoni, ammassati in piccole gabbie, non possono muoversi. Questi animali, stagione riproduttiva a parte, hanno un’indole solitaria, amano l’acqua e sono in grado di percorrere fino a 20 chilometri al giorno. La reclusione, la mancanza di stimoli e spazi, la convivenza forzata rende questi animali selvatici aggressivi contro i propri simili e verso se stessi.

 

Le modalità di uccisione scelte dagli allevatori devono preservare integra la pelliccia per cui vengono uccisi con metodi che non tengono conto della sofferenza degli animali: gas, elettrocuzione anale e veleno. Non sempre, però, questi metodi sono efficaci e spesso sono ancora vivi e coscienti mentre vengono scuoiati. L’Olanda, grazie a questa sentenza storica, entra nella lista dei paesi europei, insieme a Slovenia, Croazia, Austria e Regno Unito, che hanno scelto per la vita degli animali da pelliccia e ascoltato il volere dei propri cittadini.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu: contribuisci col tuo 5 x mille!

Leggi anche