Un Capodanno senza botti, nel rispetto degli animali

È noto che i nostri amici animali sono terrorizzati dai botti della notte di S. Silvestro: di seguito alcuni accorgimenti utili per fare in modo che il Capodanno sia una festa anche per loro.

dog-how-to-select-your-new-best-friend-thinkstock99062463

Secondo il rapporto Assalco-Zoomark 2015  in Italia ci sarebbero ben 60 milioni di animali domestici! Ma ci rendiamo conto? No, no: non vuol dire che ogni italiano possieda un animale domestico, ma a quanto pare 4 su 10 sì  (molti ne possiedono più di uno)!

 

Quando si parla di animali domestici non intendiamo solo cani e gatti: i pesci infatti pare che vadano persino per la maggiore, ma anche il numero dei rettili, degli uccelli e dei piccoli roditori non scherza! Ragion per cui, se ci onoriamo della loro compagnia, dobbiamo essere in grado di salvaguardare il loro benessere in ogni momento, anche a Capodanno!

 

dog-how-to-select-your-new-best-friend-thinkstock99062463

 

Gli animali si sa, in particolare cani e gatti ma non solo, appaiono letteralmente terrorizzati dallo scoppio dei botti e dei fuochi d’artificio. Il primo consiglio per tutelare i nostri amici animali è di usare sempre il buonsenso ed evitare di arrecare danno a loro e magari anche a noi stessi o ad altre persone improvvisando lanci di fuochi pirotecnici o botti di qualunque tipo: per divertirci non avremo certo bisogno di questo.

Quest’anno poi i botti di Capodanno sono vietati in oltre 850 comuni d’Italia  per evitare rischi alle persone e all’ambiente e per proteggere appunto anche i nostri animali domestici.

 

Se però vi trovate in uno dei rari comuni in cui non vige questo divieto, sappiate che bastano pochi accorgimenti per fare in modo che la notte di San Silvestro possa essere una festa anche per i nostri amici animali (anche se questi consigli da me liberamente riadattati sono prevalentemente adeguati ai nostri amici a 4 zampe, alcuni possono andare bene anche per tutti gli altri).

 

- Se tenete abitualmente il vostro cane o gatto o uccellino fuori di casa, almeno a Capodanno fatelo stare dentro.
- Evitate di lasciare cancelli, porte o finestre o altre possibili vie di fuga aperte.
- Assicuratevi che il vostro animale abbia una targhetta di riconoscimento o il microchip in caso di fuga e smarrimento.
- Se si tratta di un animale particolarmente vecchio o cardiopatico, chiedete consiglio al vostro veterinario di fiducia su quali misure precauzionali adottare.
- Cercate di minimizzare il rumore proveniente dall’esterno, abbassando tutte le tapparelle domestiche e chiudendo le finestre.
- Alzate il volume dell’impianto stereo o della televisione, in modo da minimizzare il rumore dei botti provenienti da fuori.
- Fate in modo che il vostro animale abbia libero accesso ad un nascondiglio dove potrà rifugiarsi e sentirsi al sicuro, in caso di bisogno.
- Comportatevi come sempre, in modo da non accrescere l’eventuale stato di ansia e agitazione del vostro animale.
- Se l’animale si agita ugualmente, più che cercare di rassicurarlo (cosa che lo renderebbe ancora più agitato), cercate di distrarlo, magari con il suo gioco preferito.

 

Se invece non possiamo proprio fare a meno dello spettacolo pirotecnico, neppure in presenza dei nostri amici pelosi, sappiate che ci sono luoghi in Italia  dove questi ultimi verranno effettuati senza fragorosi botti, pur con tutta la magia dello spettacolo di luci e colori.

 

Seguendo questi consigli ci auguriamo che la notte più lunga dell’anno possa essere una vera festa per tutti quanti.

Dalla redazione di Italia che Cambia, felice anno nuovo a tutti I nostri lettori ed ai loro amici animali!

 

Per ulteriori approfondimenti:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/13/fuochi-dartificio-wwf-causa-di-morte-e-traumi-per-animali-domestici-e-selvatici/1955288/

http://www.focus.it/ambiente/animali/la-guida-per-limitare-i-danni-dei-botti-di-capodanno-sugli-animali-domestici

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche