Io faccio così #110 – A Pescara uno Spazio (in) Più per la condivisione reale

Nato a Pescara dall'idea di un'associazione di psicologi, SpazioPiù è un centro creativo ed un progetto aperto, che vuol dare libero sfogo alla creatività e alla socialità, contribuendo al miglioramento della qualità della vita comunitaria e valorizzando il potenziale delle persone e mettendole in rete.

Il progetto SpazioPiù mette insieme un gruppo aperto e in continua crescita di professionisti e operatori,

Dare libero sfogo alla creatività e alla socialità, contribuendo al miglioramento della qualità della vita comunitaria. Con questo obiettivo nasce a Pescara SpazioPiù, un centro culturale ed un luogo di incontro aperto a tutti, per valorizzare il potenziale di ognuno mettendo in relazione singoli soggetti, ma anche associazioni ed altre realtà della società civile.

 

A raccontarci la storia e gli obiettivi di questo progetto è Raffaello Caiano, psicoterapeuta e coordinatore del centro culturale SpazioPiù, che nasce dall’esperienza dell’associazione di psicologi ASPIC Counseling & Cultura con l’intento di passare dalla psicologia dell’individuo alla psicologia di comunità, dando voce alle persone e mettendole in relazione.

 

 

“Ci siamo confrontati con un malessere diffuso e collegato alla solitudine delle persone. In risposta a questo abbiamo pensato di dar vita ad uno spazio che offrisse la possibilità di incontrarsi e di relazionarsi, in modo costruttivo e intorno a tematiche sia culturali che ludiche. SpazioPiù vuole anche dare sostegno alle idee, alla creatività e alla voglia di partecipare”.

 

“SpazioPiù per me è un’idea che viene da lontano – racconta Raffaello – dalla consapevolezza di un bisogno maturato in anni ed anni di esperienze, fin da quando da ragazzino mi incontravo con gli amici al ‘parchetto’ o in altri desolati luoghi cittadini. Sentivamo la mancanza di spazi per l’aggregazione, la creatività, la cultura”.

 

“Negli anni successivi quel ‘bisogno di comunità’ è stato ampiamente intercettato dal mercato e abilmente snaturato: abbiamo assistito alla nascita di pub ed altri luoghi di aggregazione con finalità pseudo-culturali che altro non hanno prodotto se non l’integrazione di un bisogno potenzialmente rivoluzionario all’interno del sistema di produzione e consumo”.

 

SpazioPiù vuole favorire un processo di rafforzamento delle relazioni reali, basate su solidarietà, condivisione e progettualità

SpazioPiù vuole favorire un processo di rafforzamento delle relazioni reali, basate su solidarietà, condivisione e progettualità

 

Raffaello e gli altri psicologi dell’associazione si sono quindi domandati in che modo avrebbero potuto contribuire a colmare le carenze della rete di sostegno sociale, consapevoli che la solitudine, l’incomunicabilità e l’alienazione data dai ritmi frenetici propri del nostro tempo sono le prime cause del disagio.

 

“Registriamo un grande bisogno di comunità che, seppur intercettato dai social media, non è affatto soddisfatto, anzi!”. “Credo – afferma Raffaello – che ci siano grandi risorse che a livello personale, sociale e culturale non utilizziamo. Oggi ancor meno di ieri, ingannati dalla sensazione di essere ‘social’ rimanendo isolati davanti a uno schermo. E credo che abbiamo il dovere di coltivare talenti e virtù umane senza lasciare che l’imbarbarimento e il nulla prevalgano”.

 

Da qui l’idea di dar vita a SpazioPiù, per favorire un processo di rafforzamento delle relazioni reali, basate su solidarietà, condivisione e progettualità. “Uno spazio di incontro di ispirazione olistica e sociale che pratichi una politica di ascolto e sostegno rispetto ai bisogni e alle idee della società civile di cui è parte ed espressione”.

 

La sede di SpazioPiù è una prestigiosa villa degli anni ’50 a pochi minuti dalla stazione centrale di Pescara

La sede di SpazioPiù è una prestigiosa villa degli anni ’50 a pochi minuti dalla stazione centrale di Pescara

 

Spazio Più offre quindi la possibilità di incontrarsi, frequentare e proporre corsi di vario tipo, organizzare eventi culturali, leggere un libro o condividere una cena, scambiarsi idee da realizzare insieme, partecipare alle riunioni delle associazioni che lo “abitano”, prendersi cura del proprio benessere, di quello degli altri e anche del pianeta.

 

Il centro organizza iniziative di vario tipo: dal teatro alla danza, dai laboratori creativi alle esposizioni, dagli incontri sulla genitorialità alle sedute di discipline orientali.

 

Tra gli eventi organizzati dal centro vi è il Festival SpazioPiù “Un altro mondo c’è già”, vetrina degli stili vita sostenibili e delle realtà del territorio locale, dagli orti cittadini alle piccole imprese virtuose.

 

Per favorire l’inclusione sociale, è stato recentemente pensato il servizio “Si può fare”, uno spazio diurno per fornire accoglienza alle persone con difficoltà psichiatriche per favorire l’integrazione di coloro che vivono nel ritiro sociale e nella solitudine.

 

Tra i progetti in cantiere vi è poi l’apertura di un punto ristoro a chilometro 0, per promuovere conviviali e corretti stili di alimentazione e consumo.

 

Il progetto SpazioPiù mette insieme un gruppo aperto e in continua crescita di professionisti e operatori,

Il progetto SpazioPiù mette insieme un gruppo aperto e in continua crescita di professionisti e operatori

 

Le persone che frequentano SpazioPiù sono interessate alla crescita personale ma anche a stare insieme al di fuori dei tradizionali circuiti del tempo libero, condividendo idee e percorsi.

 

“Io percepisco – ci dice Raffaello – che in questo periodo ci sono molte persone che stanno facendo grandi passi in avanti sul piano personale, spirituale, relazionale e progettuale. Si stanno sviluppando dei nuovi modi di pensare”.

 

“L’Italia che cambia è l’Italia che smette di delegare e comincia a fare le cose con creatività. È fondamentale in questo la collaborazione: lavorare in rete significa attivare dei processi di condivisione per riuscire a costruire un bene comune”.

 

Il sito di SpazioPiù 

 

Visualizza SpazioPiù sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche