“Relazioni Saperi Futuro”: l’ebook sugli intrecci tra web, sostenibilità e responsabilità sociale

Uno strumento di riflessione su come Internet possa essere messo al servizio di persone e organizzazioni che praticano e promuovono nuovi stili di produzione, consumo, cittadinanza e relazione. E' disponibile gratuitamente da oggi “Relazioni, saperi, futuro”, l'ebook nato dall'esperienza di Zoes.it, il social network della sostenibilità e dell’economia solidale, e curato da Daniel Tarozzi.

zoes-copertina - Copia

zoes-copertinaE’ disponibile gratuitamente da oggi “Relazioni, saperi, futuro”, l’ebook nato dall’esperienza di Zoes.it, il social network della sostenibilità e dell’economia solidale, un progetto frutto della collaborazione tra la Fondazione Culturale Responsabilità Etica (Banca Etica) e Fondazione Sistema Toscana.

 

Il volume contiene contributi importanti di: Andrea Baranes, Ugo Biggeri, Paolo Chiappini, Adriana De Cesare, Gianluca Diegoli, Mirko Lalli, Ezio Manzini, Giuditta Peliti, Angelo Rindone, Giulia Rosoni, Francesco Terzini, Andrea Tracanzan e Claudia Vago ed è stato curato da Daniel Tarozzi, fondatore di Italia che cambia.

 

“Gli intrecci tra web e sostenibilità nella zona equo sostenibile” è il sottotitolo dell’ebook che approfondisce diversi temi, dal marketing per le organizzazioni sostenibili all’attivismo politico, dal turismo sostenibile al design passando per la finanza etica e il crowdfunding. L’obiettivo delle due fondazione è quello di fornire al lettore uno strumento di riflessione su come l’internet possa essere messo al servizio di persone e organizzazioni che praticano e promuovono nuovi stili di produzione, consumo, cittadinanza e relazione.

 

Non a caso il progetto ebook continua ad avere il web al centro, nello spirito di voler mettere le tecnologie digitali al servizio di persone e organizzazioni per il cambiamento sostenibile. L’ebook può essere scaricato a questo link: www.bancaetica.it/zoes  e dai siti delle organizzazioni promotrici (www.fcre.it, www.fondazionesistematoscana.it, www.italiachecambia.org).

 

Zoes.it, che entro fine 2016 non sarà più disponibile come sito web, in questi anni ha rappresentato una sperimentazione di piattaforma online per la condivisione di buone pratiche di sostenibilità. Sono migliaia le persone e le organizzazioni che si sono profilate sul sito e altre decine di migliaia quelle che hanno potuto conoscere le storie di un’Italia che realizza ogni giorno nuovi stili di vita, produzione e consumo.

 

Nella rete di Banca Etica l’esperienza di Zoes ha fatto nascere tante progettualità e ponti tra online e offline come la campagna di comunicazione sulla finanza etica: Non con i miei soldi www.nonconimieisoldi.org. Il web però cambia e si evolve, così come sono mutati gli obiettivi e le necessità della community che gravita intorno alla “zona equosostenibile”, nome esteso di Zoes.

 

Le due fondazioni che hanno dato vita a Zoes hanno visto in Italia che Cambia un suo ideale proseguimento, una continuazione di quella riflessione trasversale su tanti temi importanti: dai beni comuni alla sostenibilità ambientale, dall’impegno per i diritti umani all’economia responsabile, fino alla finanza etica. Italia che Cambia è riuscito a raccogliere e rinnovare la progettualità che Zoes mise in campo ormai diversi anni fa.

 

Per maggiori info scrivere a partecipa@zoes.it

 

Scarica gratuitamente l’ebook “Relazioni Saperi Futuro”

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche