Io faccio così #133 – Insieme per trasformare i rifiuti in risorse

La Cooperativa Sociale Insieme ha l'obiettivo di trasformare i rifiuti in risorse contribuendo alla salvaguardia dell'ambiente, alla creazione di cicli produttivi virtuosi, ma anche coinvolgendo persone in difficoltà per dare loro una seconda possibilità.

CSIimmagine1_ant

 La Cooperativa Sociale Insieme nasce nel 1979 per mano di un gruppo di cittadini che si sono interrogati sulla questione ambientale sul fronte della riduzione dei rifiuti, specializzandosi negli anni nei due filoni del riuso e del riciclo. È una cooperativa di tipo B: in collaborazione con i servizi sociali inserisce in percorsi di accompagnamento persone seguite in situazioni di disagio o fragilità. L’obiettivo è trasformare i rifiuti in risorse.

 

La Cooperativa Sociale Insieme insiste sul concetto di seconda opportunità: «Partiamo da quello che ciò che viene definito rifiuto o scarto – ci dice la vicepresidente Marina Fornasier – e che sul dizionario troviamo come inutile o inquinante per la società o per l’ambiente. Sosteniamo il percorso che fanno persone o cose per trasformarle in risorse».

 

L’idea è che sostenendo un certo tipo di percorso tutti e tutte le cose possono essere una risorsa. «E possono entrare così un un’idea di economia circolare, in cui le materie prime – cose e persone – possano dare il meglio, se messi nelle condizioni di farlo».

CSIimmagine6

 

Perché vi chiamate “Insieme”? «Racchiude il senso del nostro essere. Mettendo insieme le forze, le capacità, le storie con percorsi anche complicati, si può lavorare per una società inclusiva».

 

Il Barco è il bar della cooperativa assieme. È un bar fatto di cose e persone. L’arredamento è fatto di articoli e beni usati, a volte ricondizionati dalla stessa cooperativa. La cosa che fa più effetto è che quasi tutto l’arredamento e alcune attrezzature sono in vendita: «In ogni suo aspetto rappresenta ciò che la cooperativa vuole trasmettere. Ogni volta che ci torni il bar è diverso, si trasforma, proiettandoti sempre in un contesto diverso». Per questo rappresenta a pieno i valori della cooperativa: «Cose che arrivano e che vanno, che rientrano in circolo e che sono utili per molte persone».

 

Varie sono le attività proposte dalla Cooperativa. Ad esempio nel solo polo centrale si effettuano i seguenti servizi: vendita al dettaglio e all’ingrosso per i clienti, recupero di materiali che altrimenti sarebbero scarti, laboratori per le riparazioni (biciclette, attrezzature elettriche, etc…) e per lavorazione del tessile, magazzini destinati al riuso e al riciclo, laboratori per le riparazioni (biciclette, attrezzature elettriche, etc…) e per lavorazione del tessile.

 

CSIimmagine1

 

 Il valore aggiunto della cooperativa è dato dall’abbinamento riciclo al riuso. Viene recuperato il più possibile da quello che altrimenti sarebbe destinato a rifiuto. «Attraverso il recupero di quanti più beni possibili riusciamo ad intervenire in maniera impattante sulla riduzione del rifiuto».

 

Cooperativa Insieme è socia di Banca Etica da moltissimi anni. «Usufruiamo di moltissimi servizi e strumenti di credito di Banca Etica. L’ultimo strumento utilizzato è stato un finanziamento a supporto di una riorganizzazione a livello gestionale, anche in termini di spazi fisici. L’idea è che gli spazi fisici sono a disposizione della nostra mission, ambientale e sociale. A Cooperativa Insieme interessa stare nell’ambito della finanza etica». La collaborazione con Banca Etica ne è una dimostrazione.

CSIimmagine4

 

 Ad oggi la Cooperativa è composta da quattro punti vendita – la sede principale e altri tre piccoli negozi nella città di Vicenza; inoltre gestisce dieci ecocentri nella provincia e ha un centro di riuso, fuori città, il quale raccoglie la merce, la smista, la seleziona e così viene destinata al riuso. Il centro serve proprio a lavorare in maniera approfondita sulla selezione dei materiali dei beni che arrivano e sulla preparazione al riutilizzo.

 

Per Marina l’Italia è come «un organismo vivente, che deve crescere, evolversi e imparare dagli errori. L’Italia Che Cambia è una persona che ascolta, recepisce, elabora, mette in discussione e rettifica il tiro di volta in volta». E allora non ci resta che continuare a crescere così come sta facendo la cooperativa, Insieme.

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche