Che cos’è la Transizione – Le Mani

Nel percorso suggerito dalla Transizione, prima si attiva la Testa poi ci si prende cura del Cuore e infine si possono mettere in azione le Mani. Cosa succede in questa fase e perché è inevitabilmente legata alle precedenti? Ce ne parla in questo video Cristiano Bottone.

bottone1

Dopo la Testa ed il Cuore, si arriva alla fase delle Mani e quindi al “che cosa si deve fare?”.

 

Sembra che uno degli errori più frequenti del passato sia stato quello di agire senza aver attentamente considerato testa e cuore.  Se abbiamo le informazioni giuste e le abbiamo digerite, non solo con la nostra componente razionale ma anche e soprattutto con quella emozionale, allora e solo allora siamo pronti per passare all’azione.

 

 

La Transizione è diventata famosa proprio per il suo fare tanto (orti, energia, imprese, ricerca), si è fatta conoscere attraverso molte azioni pratiche e tangibili che spesso somigliano o sono identiche ad altri azioni che abbiamo già visto. La differenza sta però nel fatto che, nel caso della Transizione, tali azioni scaturiscono da un percorso diverso, che provoca effetti culturali diversi nel contesto in cui viene messo in atto.

 

La presenza e la cura costante di questi tre aspetti non divisibili definisce i percorsi dell’esperimento di transizione: Testa, Cuore e Mani sono una sorta di ciclo continuo che diventa il metodo del movimento di Transizione.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu: contribuisci col tuo 5 x mille!

Leggi anche