14 Dic 2016

È nato il primo Asilo del Mare al mondo ed è a Ostia

Convinti dell'importanza dell'educazione all'aperto e a contatto con la natura, gli ideatori del primo Asilo nel Bosco d'Italia hanno ora deciso di dar vita al primo Asilo del Mare del mondo. Il litorale di Roma sarà la grande aula che accoglierà i bambini che, a partire da gennaio, sperimenteranno per primi il nuovo progetto educativo in partenza ad Ostia.

Bambini che corrono in spiaggia, fanno castelli con la sabbia, esplorano canneti e giocano fra i gabbiani. E non lo fanno d’agosto sotto il sole bollente e in mezzo a una folla di turisti accaldati, ma tutti i giorni dell’anno durante le ore di scuola.

 

Riuscite a immaginarlo? Ebbene, fra pochi giorni – a gennaio – sarà realtà, con l’apertura dell’Asilo del Mare di Ostia, un progetto dell’associazione Manes in collaborazione con la Lipu e l’Istituto Comprensivo Amendola Guttuso di Ostia.

14993571_544983655697990_8952103900753670497_n

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 
“Mare”, da sempre, è sinonimo di “vacanza”. E “vacanza” è contrario di “scuola”. Dunque ci vuole una buona dose di follia per fondere i due opposti e portare la scuola sul mare. Ma – e questo lo sapevamo già – follia e creatività non mancano a Sabina Bello e Danilo Casertano dell’associazione Manes, ideatori del primo Asilo nel Bosco d’Italia (diventato da quest’anno anche Elementari) che adesso hanno deciso di far partire questa nuova sperimentazione educativa.

 

Abbiamo chiamato Danilo e Sabina per farci raccontare meglio in cosa consiste la loro nuova avventura, a pochi giorni dalla presentazione ufficiale che si terrà il 22 dicembre.

 

Dal bosco siete arrivati fino al mare, il progetto continua ad evolversi: cosa cambia e cosa resta uguale?

L’approccio pedagogico resta lo stesso, i principi sono sempre quelli dell’outdoor education. Cambia soltanto la cornice, con tutto quello che comporta ovviamente. Ad esempio il rapporto con l’acqua, ancora tutto da esplorare. L’introduzione di questo nuovo elemento ci mette di fronte a nuove sfide educative e limiti da capire e individuare. D’altronde finché non iniziamo non li scopriamo.

 

Ma quindi siete i primi al mondo?

Dalle ricerche che abbiamo fatto sembra proprio di sì! O perlomeno i primi ad averlo inquadrato con questa formula. D’altronde siamo in Italia, la terra del sole e del mare, l’Asilo del Mare non poteva che nascere qui da noi. In Germania, dove l’outdoor education è molto sviluppata, gli asili nel bosco sono tantissimi. Ma l’educazione all’aperto si fa in base al luogo dove ci si trova: qui ad Ostia non vivere il mare era un’assurdità.

 15242002_555795361283486_143491245793200464_n


È pubblico o privato?

È un asilo pubblico, accessibile a tutti, grazie alla convenzione con l’Istituto Comprensivo Amendola Guttuso di Ostia che ci ha messo a disposizione una classe per le (poche) ore di lezione al chiuso.

 

E la Lipu (Lega italiana protezione uccelli) cosa c’entra?

C’è un’oasi della Lipu proprio qui vicino, nella zona salmastra vicino al porto, con cui collaboriamo da tempo. Abbiamo stretto una collaborazione per cui i bambini potranno spendere una parte del loro tempo all’interno dell’oasi, esplorarla, partecipare alla liberazione di un animale selvatico curato.

 

 

Un nuovo piccolo mondo è nato ad Ostia. Un asilo che, è importante ricordarlo, ha sede in una delle zone più problematiche e malfamate d’Italia, nota ai più per l’omicidio di Pasolini e la presenza di una microcriminalità diffusa e permeante. Anche in questo sta la forza dell’iniziativa, che inventa un modello educativo all’avanguardia e lo mette a disposizione di un luogo periferico e marginale, degli ultimi.  

 

Questa volta sarà il mare, anziano maestro, ad insegnare ai bambini (e a genitori ed insegnanti) come navigare tutti assieme, ciascuno seguendo il proprio vento e le correnti, tracciando fra le onde la scia del proprio percorso.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Ripensare la scuola per ricostruire le comunità: l’Officina dei Beni Comuni
Ripensare la scuola per ricostruire le comunità: l’Officina dei Beni Comuni

Giocando si impara? Terranave ci parla delle scuole in gioco

Bambini all'aperto per meno tempo dei detenuti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il mondo nella trappola del debito – #450

|

65 domande per le future imprenditrici. Voi cosa rispondete?

|

S.O.S. Sanità Pubblica Liguria: denunce e proposte per salvare la nostra sanità

|

Piantare alberi contro il cambiamento climatico: il sogno della Foresta condivisa del Po piemontese

|

La danza degli opposti: e se le differenze generassero risate invece che odio?

|

La psicologa Cavallini: Covid devastante sulla psiche umana, la psicologia non deve più essere un tabù!

|

La dura vita di pazienti non Covid (e dei loro accompagnatori) in ospedale

|

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico