Arriva in Italia la mutua per gli animali

Arriva in Italia la prima mutua per cani e gatti. L’adesione alla mutua prevede numerosi servizi che vanno dalle cure veterinarie alla cremazione. Agli associati verranno dati dei sussidi di natura sanitaria per garantire e tutelare i compagni a quattro zampe.

iStock_000012298746_Large1

Partirà a fine mese “Dottor Bau & Dottor Miao”, la prima mutua italiana privata per la tutela e il benessere di cani e gatti, proposta da Mutua italiana assistenza sanitaria (Mias) in partnership con FareAmbiente (Movimento ecologista europeo) e con la compagnia assicurativa EuropAssistance. L’iniziativa, presentata l’8 febbraio presso la sala stampa della Camera dei Deputati, mira a ridurre gli abbandoni e considerare gli animali d’affezione come un membro della famiglia.

 

“Vogliamo supportare la sanità veterinaria con una modalità mutualistica per l’importanza del rapporto che abbiamo con il mondo dei pet; ci siamo resi conto che la società è sempre più animal friendly. Oltre il 55% delle famiglie italiane ha adottato un animale domestico (circa 15 milioni, tra cani e gatti), direi che basta questo dato strabiliante per chiarire e comprendere l’importanza e la funzione sociale di questo rapporto. La mutua darà la possibilità agli associati di avere dei supporti, “sussidi”, di natura sanitaria, per interventi chirurgici e ambulatoriali.


iStock_000012298746_Large1

Permetterà, inoltre, di avere la sezione legata alla responsabilità civile e alla tutela legale che ne consegue, al momento in cui viene adottato un animale domestico. Abbiamo, infine, tutta una serie di garanzie istruttorie accessoriate ai fini del profondo rapporto esistente tra adottante e animale domestico. I benefici economici, sociali e sulla salute che ne conseguiranno sono evidenti, tanto da poterli considerare veri e propri ammortizzatori sociali”, afferma il Presidente della Mias, Claudio Andrea La Rosa.

 

Un altro aspetto concreto e fondamentale affrontato dai proponenti è la defiscalizzazione sanitaria. Oggi, tutto ciò che riguarda gli animali è sottoposto alla massima aliquota disponibile (22%), perché gli animali sono ancora considerati, purtroppo, come oggetti, beni di lusso, al pari di elettrodomestici, cosmetici, mobili, giocattoli, indumenti, ecc.

 

L’aliquota attuale sulle prestazioni medico veterinarie e la detrazione minima prevista sulle spese sostenute (importo massimo recuperabile pari a 49,06 euro) penalizza le fasce più deboli economicamente e, di conseguenza, gli animali, minando la loro salute. Le persone rinunciano sempre più a farli curare; si registrano oltre 4,5 miliardi di euro di risparmio nel servizio sanitario e per questo adottare un cane o un gatto non deve essere un lusso ma un valore sociale. Portare il proprio amico a quattro zampe dal veterinario è un dovere che racchiude, contemporaneamente, un atto di responsabilità e un gesto d’amore per il suo benessere fisico e psichico.

pets-health

“Attraverso questa mutua assistenza sanitaria vorremmo che fossero considerati come esseri viven e questa mi sembra una bella battaglia di civiltà” sostiene Vincenzo Pepe, Presidente nazionale di FareAmbiente. I servizi erogati da “Dottor Bau & Dottor Miao” sono numerosi e vanno dalle cure veterinarie alla cremazione. L’assistenza coprirà anche le spese di ricerca qualora il cane o il gatto dovessero perdersi. Una delle iniziative, chiamata “Per Sempre”, ha lo scopo di trovare una sistemazione adeguata all’animale, tramite la struttura qualificata delle Guardie Ecozoofile di FareAmbiente, nel caso di decesso o ricovero del suo compagno umano. Il servizio “Sacrificio necessario”, invece, garantisce la cremazione dell’animale in modo etico, in strutture controllate tramite la società specializzata Petico.

 

La novità principale, però, è che, per la prima volta in Italia, chi si trova nella fascia di esenzione del ticket sanitario, potrà aderire alla mutua con un trattamento di favore ovvero uno sconto del 50% sulla quota associativa, che costa 120 euro l’anno.

 

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi scegliere il prossimo? Scopri come!

Leggi anche