Giovani fotografi indagano sul tema del consumo di suolo

Nell'ambio dell'Elefante Festival del tempo lungo (15-25 giugno, Padova), di cui Italia Che Cambia è media partner ufficiale, si terrà Re-Visioni, un concorso fotografico dedicato ai giovani con meno di 35 anni che immortaleranno il degrado provocato dalla cementificazione, con l'obiettivo di innescare una necessaria riflessione sul tema.

Simone Motta 02_ant

Ha preso il via la settimana scorsa a Padova L’Elefante Festival del tempo lungo, una rassegna incentrata sulla necessità di cambiare il nostro rapporto con il tempo: rallentare, conservare la memoria del passato, vivere il presente e affacciarsi al futuro con fiducia. Nell’ambito del Festival, si terrà un concorso fotografico molto particolare dedicato ai giovani, con l’obiettivo di rappresentare e diffondere le immagini del degrado legato alla cementificazione del territorio.

Foto di Simone Motta

Foto di Simone Motta

Lo sguardo di cinque fotografi under 35, coordinati dal visual artist Orlando Myxx, sul tema del consumo di suolo a Padova. È questa la proposta al centro del progetto RE-VISIONI, nell’ambito del Festival del tempo lungo (15-25 giugno, Padova), promosso dall’associazione Pop Economix con una rete di partner grazie al sostegno del Bando culturalmente 2016 della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Italia Che Cambia è media partner ufficiale della manifestazione.

 

Sabato 17 giugno gli esiti del laboratorio – che ha coinvolto i fotografi Giovanna Bison, Antonio Colucci, Pierpaolo Maso, Simone Motta, Giulia Pasinato – sono stati presentati per la prima volta al Parco La Fenice, in apertura dell’evento Torneranno i prati? Parole e immagini sul consumo di suolo a Padova. Le fotografie sono esposte a Ca’ Sana (via Ss.Fabiano e Sebastiano 13) fino a domenica 25 giugno.

Foto di Giovanna Bison

Foto di Giovanna Bison

“Padova come altre città ha vissuto una trasformazione urbana legata allo sviluppo che è stata segnata anche da storture e depauperamenti – spiega Nadia Lambiase, Presidente dell’associazione Pop Economix – Il consumo di suolo è così divenuto un prezzo a volte troppo alto pagato alla crescita, mentre si indebolivano via via i criteri di razionalità urbanistica nelle politiche del territorio”. Il progetto nasce quindi “per dare respiro a una riflessione che ci pare necessaria e risvegliare il bisogno, che abbiamo tutti, di osservare il mondo in cui viviamo con occhi nuovi”. 

 

Per info e programma completo del Festival cliccate qui.

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche