14 Lug 2017

La Riserva dello Zingaro, un angolo di paradiso salvato dal cemento

Scritto da: Elena Risi

Grazie ad un'importante battaglia civile un tratto della costa siciliana di natura incontaminata negli anni '80 è stata dichiarata area protetta. Da allora la Riserva dello Zingaro regala a chi la percorre panorami mozzafiato e l'esperienza di bagnarsi nelle acque cristalline delle numerose calette che si susseguono nei diversi sentieri.

Si chiama Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, sette chilometri a picco sul mare della costa siciliana occidentale e 1650 ettari di natura incontaminata. Si tratta di un’area naturale protetta che affaccia sul Golfo di Castellammare e collega Scopello a San Vito lo Capo, i due comuni dai quali è possibile accedere per percorrere quattro meravigliosi sentieri sospesi sul mare.

riserva

Attrezzatevi con dispense di acqua e cibo prima di raggiungere una delle due entrate, il percorso è lungo e faticoso soprattutto sotto il sole ma il paesaggio e l’esperienza di bagnarvi in queste acque trasparenti ripaga qualunque sforzo. Oltre al panorama mozzafiato che regala un indimenticabile affaccio sul golfo, oltre a gustare gli odori aromatici della macchia mediterranea, nulla vi impedisce (anzi, è vivamente consigliato!) di rinfrescarvi nelle numerose calette che si susseguono lungo i diversi sentieri. La conformazione del territorio ha creato infatti una serie di falesie, i sentieri lungo la parete rocciosa che scendono a strapiombo sul mare da un’altezza massima di 913 metri.

[av_button_big label=’VIAGGIA IN UN MO(N)DO DIVERSO! PARTECIPA ALLA CAMPAGNA!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://www.italiachecambia.org/viaggia-mondo-diverso/?utm_source=website&utm_medium=hp%20icc%20bottone&utm_campaign=viaggiare&utm_content=hp_icc_bottone_hp_campagna’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Cala della Caprera, Cala del Varo, Cala della Disa, Cala Beretta, Cala Marinella, Cala Torre dell’Uzzo e infine, Tonnarella dell’Uzzo (quest’anno eletta da Skyscanner come spiaggia più bella d’Italia). Qualunque sentiero scegliate di percorrere, non mancate di tuffarvi nelle acque cristalline di questi angoli di paradiso.

 

Percorrere queste vie a piedi è un’esperienza davvero unica, non soltanto per la loro bellezza. Quello dello Zingaro è infatti uno dei pochissimi tratti di costa senza strada litoranea, nonostante ne fosse stata progettata una e ne fosse iniziata la costruzione già nel 1976. Ma tra il 1974 e il 1981 numerose associazioni naturalistiche si cominciarono a mobilitare unendosi in una comune protesta, aiutati da una campagna di informazione massiccia mirata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica.

11204399_1005726646146200_7083908295629048377_n

Nel 1980 le proteste convogliarono in una grande marcia di 3000 persone che pacificamente sfilarono e presero simbolicamente possesso del territorio. A memoria di questa grande vittoria è stato posto un pannello esplicativo che riporta gli eventi principali della mobilitazione in prossimità dei pochi metri di tunnel costruiti e che all’ingresso sud di Scopello testimoniano quello che fu l’inizio dei lavori per la litoranea.

 

Un’ importante battaglia civile per i beni comuni coronata nel 1981 con l’istituzione ufficiale da parte della Regione della riserva naturale protetta. Una lotta e un impegno di cui anche oggi continuiamo a godere i benefici.

 

Visitate il sito per maggiori informazioni su orari  e attività guidate.

[av_button_big label=’VIAGGIA IN UN MO(N)DO DIVERSO! PARTECIPA ALLA CAMPAGNA!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://www.italiachecambia.org/viaggia-mondo-diverso/?utm_source=website&utm_medium=hp%20icc%20bottone&utm_campaign=viaggiare&utm_content=hp_icc_bottone_hp_campagna’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“I volti della Via Francigena”, storie di persone in cammino

Tra Udine e Trieste (e non sono scomparso!)

La Via delle Dee, il primo cammino interamente al femminile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni