Io faccio così #186 – La Vallescura: “Così produciamo una birra contadina sana e sostenibile”

La storia dell’azienda agricola “La Vallescura”, un’azienda a conduzione familiare con sede a Piozzano, nell’appennino piacentino, che si è dotata per prima in Italia di una malteria che ha permesso di realizzare una vera birra contadina di eccellenza, grazie anche alla coltivazione dell’orzo biologico nei propri campi. Un percorso che ha comportato anche una scelta coraggiosa di cambiamento di vita dei suoi fondatori. Una scelta che il tempo ha ampiamente ripagato e non solo in denaro.

vallescura

A Piozzano, nel cuore dell’appennino Piacentino, l’azienda agricola “Vallescura” è riuscita a chiudere la filiera agricola della birra artigianale, realizzando una birra contadina omonima, grazie al fatto di essere la prima azienda agricola italiana ad essersi dotata di una malteria.

 

 

La storia dell’azienda agricola inizia il 2 agosto del 1985. E’ il giorno in cui Mauro Lafranconi e sua moglie, originari della provincia di Lecco, decidono di lasciare i rispettivi lavori di perito elettrotecnico e di gestrice di un supermercato per realizzare il sogno di dar vita ad un’azienda agricola in un ambiente, quello di Piozzano, molto meno antropizzato e più legato ai cicli naturali: “mia moglie ha assecondato le mie pazzie” ci racconta Mauro “e abbiamo abbandonato il certo per l’incerto. L’unico modo razionale per tentare di realizzare quello che io chiamo il sogno lucido.”

 

La coppia dà vita ad un’azienda agricola che inizialmente si occupa soprattutto di cereali e zootecnia (allevamento di capre e pecore, con la produzione di un formaggio di qualità) per poi ampliare il suo interesse verso il mondo della birra artigianale. “E’ stato soprattutto grazie alla spinta dei miei tre figli, che lavorano insieme a noi in azienda. Nel 2008 abbiamo così scelto di realizzare una birra artigianale e agricola. In quegli anni quando in pochi ne parlavano, mentre oggi l’argomento è molto inflazionato e il settore in crescita. Noi volevamo che il nostro orzo biologico, che coltiviamo nei nostri terreni, diventasse materia prima per le nostre birre. Siamo stati in Germania a fare delle ricerche, che poi sono sfociate nella costruzione e nel brevetto di quella che è stata la prima micromalteria italiana.”

 

Nel 2009 arriva una prima grave battuta d’arresto: una frana colpisce duramente la casa della famiglia e una parte dell’azienda. Insieme al problema giunge però anche la soluzione: “nel 2010 la birra è diventata un prodotto agricolo, ma dopo la frana del 2009 abbiamo messo a disposizione la nostra malteria e i macchinari per altre aziende agricole e oggi realizziamo diverse birre a marchio per diverse aziende agricole. Questo perché, essendo noi sull’Appennino piacentino e non avendo una visione legata all’affarismo ma solamente alla passione per l’agricoltura sana, non abbiamo una grossa rete commerciale e lavoriamo moltissimo in conto lavorazione, il che ci permette di rendere sostenibile l’attività. Abbiamo identificato un luogo dove vivere e dove crescere la famiglia e la birra per noi è un modo che ci permette di vivere e sopravvivere.”

img_2338

La birra Vallescura prodotta ha quattro nomi: Melodia, Armonia, Melania, Apami, Pociuo, ognuna è una diversa varietà di birra. Rifiutando la Grande Distribuzione e i circuiti più altisonanti, viene venduta principalmente attraverso i G.A.S. “ma stanno aumentando anche i consumatori sempre più consapevoli che la acquistano, anche perché noi cerchiamo di sensibilizzare le persone su cosa davvero significhi e comporti la qualità di un prodotto, che va di pari passo con la sua storia.”

 

Oggi due dei tre figli di Mauro, Daniele e Giacomo, e Mauro stesso lavorano a tempo pieno a questa attività: “io continuo anche a condurre un piccolo allevamento di maiali biologici” ci spiega Mauro “perché tutto lo scarto della produzione della birra come l’orzo, le trebbie di birra e i germogli essiccati vengono utilizzati nell’allevamento di questi maiali bradi. Invece di scappare all’estero, con sacrifici e abnegazione, i miei tre figli hanno deciso di rimanere qui e questo per me è un motivo di grande soddisfazione, oggi come nonno vedo le mie nipotine giocare nei prati e nel torrente, quindi non è solo un lavoro ma una scelta di vita e una condivisione di valori.”

2

Concludiamo il nostro incontro con una considerazione di Mauro: “Per chiudere completamente la filiera bisogna avere una lucida follia e una grande grinta. Le normative privilegiano i grossi investimenti e i grossi agricoltori, un giovane che vuole realizzare una simile attività trova tantissime difficoltà, non ultime quelle burocratiche e amministrative. Deve sopperire una forza di volontà importante, ma le cose si possono fare grazie anche ad una lucidità di base che è indispensabile.”

 

Consigliamo vivamente la lettura di approfondimento di Giuliana Cassizzi sulla storia dell’azienda agricola “La Vallescura”, e cogliamo l’occasione per ringraziarla per la concessione del materiale fotografico e delle immagini video relative alla malteria.

 

 

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche