PURO, permacultura e sostenibilità arrivano in città

A Roma, Gianni Marotta e Fabio Pinzi hanno inaugurato il secondo anno di attività di PURO con un incontro dedicato alla permacultura e alla medicina naturale e omeopatica, sottolineando alcuni concetti chiave per la sostenibilità urbana e presentando alcune attività previste per il 2018.

puro_ant

Il Centro Studi e Pratiche sulla Sostenibilità urbana detto PURO (permacultura urbana Roma) inizia il suo secondo anno di attività. Il centro è nato per permettere a chi si interessa di sostenibilità e permacultura e a chi vuole creare relazioni di valore, di incontrarsi e creare sinergie.

orto per annaLa permacultura racchiude tecniche di progettazione sistemiche basate sull’ecologia in cui l’uomo impara ad integrarsi e a gestire i flussi di materia, energia, capacità produttiva e soddisfazione personale agendo secondo natura e non contro, appunto integrando le proprie esigenze a quelle dell’ambiente di riferimento.

 

Il Puro è ospitato al CIMI (centro di medicina integrata) che lo supporta e ne è anima fondante. Il CIMI, grazie al dott. Gianni Marotta, si occupa di salute, consapevolezza ed è un polo culturale a 360 gradi. Frequentatissimo il corso, per non professionisti, di medicina naturale e omeopatica che integra le conoscenze pratiche cliniche e specialistiche con quelle dei saperi tradizionali millenari o complementari già molto sperimentate. L’obiettivo è far crescere il pubblico nella gestione della propria salute attivando risorse personali per un benessere complessivo.

 

Mercoledì 10 Gennaio, in una serata aperta al pubblico, Gianni Marotta ha evidenziato come ogni organismo umano sia strettamente collegato al modo di produrre il proprio cibo, alla consapevolezza che si acquisisce del luogo in cui vive, dei propri scarti e della capacità di presenza mentale in una data situazione. Essere custodi della propria salute non può prescindere dall’essere custodi del posto in cui si vive.Ciò che accomuna percorsi personali di crescita in consapevolezza e la permacultura è proprio l’etica su cui poggia un sistema riprogettante sostenibile. 

P_20170120_170738_1_p

Fabio Pinzi, agronomo dell’Accademia Italiana di Permacultura, durante la serata, ha rimarcato la necessità urgente di riprendersi la delega totale all’industria che, dal dopoguerra in poi, ha creato un distacco pericoloso della popolazione dalle scelte e dal controllo della propria produzione di cibo. Il 2% della popolazione mondiale coltiva per il restante 98% con pesanti perdite in termini di biodiversità, fertilità del suolo, qualità e gusto del cibo e gestione finanziaria del costo dei prodotti a tutto vantaggio dell’industria agrochimica e non dell’agricoltura.

 

Il CIMI, il Puro e tutte le persone che condividono esperienze, competenze e voglia di creare, a Roma, una comunità resiliente, sono riusciti in quest’anno ad aggregare già molte persone e realtà del territorio. Ci si incontra, si sperimenta e si cresce insieme.

 

Anche quest’anno sta partendo il corso base (PDC di 72 ore) di permacultura. In tutto 5 weekend, 2 al mese più vari altri weekend di approfondimento. Imparare a riprogettare la propria vita acquisendo strumenti concreti per un approccio sistemico alla complessità del reale sono il fondamento per creare o connettere realtà rigenerative del terreno, della comunità e di se stessi.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche