Decolla l’imprenditoria giovanile. E l’agricoltura conquista i ragazzi

Con la nascita di 300 imprese al giorno in tutto il territorio nazionale, il 2017 ha registrato un boom dell’imprenditoria giovanile. Il settore che ha visto l’incremento maggiore è l’agricoltura: l’Italia è prima in Europa per numero di imprese agricole condotte da under 35.

giovani-agricoltura

Nel 2017 diecimila ragazzi hanno deciso di investire il proprio futuro nell’agricoltura. È questo uno dei dati più interessanti diffusi oggi dalla Camera di Commercio di Milano, MonzaBrianza e Lodi.

 

È boom dell’imprenditoria, soprattutto giovanile. Nel 2017, come mostrano i dati, sono sorte circa 300 imprese giovanili al giorno lungo tutta la penisola (circa 110mila), pari al 30,5% di tutte le imprese iscritte nel 2017.

san-jose-sure-exposure-web-design

Il numero dei giovani che fanno impresa in Italia supera quello di coloro che lasciano il Paese: “Stando agli ultimi dati Istat disponibili”, riferiscono dalla Camera di Commercio, “nel 2016, sono stati circa 61mila i giovani emigrati, tra 18 e 39 anni, che hanno trasferito la propria residenza all’estero, mentre si contano circa 114mila imprese giovanili (18 – 34 anni) che hanno aperto un’attività in proprio nel 2016″.

 

I territori con il maggior numero di imprese giovani iscritte nel 2017 sono Roma (8.276), Napoli (7.073), Milano (5.594) e Torino (3.312. Al Centro Sud, in particolare, i giovani pesano di più sul totale delle nuove imprese: Nuoro (44%), Crotone (42,2%), Reggio Calabria (41,9%), Vibo Valentia (41,1%) ed Enna (41%).

 

In Italia i giovani fanno impresa soprattutto nel settore del commercio (circa 21 mila iscrizioni), dell’edilizia (10.369), nell’agricoltura (9.850) e nel comparto dell’alloggio e ristorazione (6.124).

 

Il settore che ha fatto registrare l’incremento maggiore è l’agricoltura, come confermano anche i dati di Coldiretti. Da un’analisi condotta dall’associazione emerge infatti che l’Italia con 53.475 imprese agricole italiane condotte da under 35 è al vertice in Europa nel numero di giovani in agricoltura, con un aumento del 9% nel terzo trimestre 2017.

42178162 - young man looks into the distance in a barley field

Le aziende agricole dei giovani – spiega Coldiretti – possiedono una superficie superiore di oltre il 54 per cento alla media, un fatturato più elevato del 75 per cento della media e il 50 per cento di occupati per azienda in più. Si tratta di che stanno puntando su quelle caratteristiche di distintività nazionale che garantiscono un valore aggiunto nella competizione globale come il territorio, il turismo, la cultura, l’arte, il cibo e la cucina e che hanno permesso all’export agroalimentare italiano di toccare la storica soglia di 41 miliardi di euro nell’ultimo anno.

 

Di fatto, sottolinea la Coldiretti, la presenza degli under 35 ha rivoluzionato il lavoro in campagna dove il 70 per cento delle imprese giovani opera in attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche