Come possono i bambini coltivare la loro intelligenza transpersonale?

Sin dalla nascita siamo dotati della capacità di astrazione trascendente che caratterizza l'intelligenza transpersonale, della capacità di indagare l'identità profonda e la connessione con l’universo, della capacità di sviluppare la nostra consapevolezza. I giochi mindfulness per bambini contribuiscono a coltivare l'intelligenza transpersonale rendendo i bambini consapevoli di quello spazio di pura osservazione al quale possono ancorarsi.

children-1869265_1920

È sorprendente seguire lo sviluppo naturale dell’intelligenza transpersonale nei bambini. Prima di uscire dal “giardino dell’Eden” dell’infanzia, la connessione del bambino con il flusso della vita, delle emozioni e della sacra spiritualità del presente, è più che evidente. Tanto più per l’educatore che è stato capace di riattivare in sé lo sguardo che gli permette di vedere la profonda saggezza che il bambino mostra.

 

Il seme dell’intelligenza transpersonale è presente nell’essere umano fin dal momento della nascita, poiché è in definitiva il seme della coscienza da cui parte tutto il nostro sviluppo embrionale, la nostra essenza più pura che contiene l’architettura che va plasmando il nostro modo di vivere ed essere. Coltivare l’intelligenza transpersonale è quindi un’opera di co-scoperta di ciò che è già presente, annaffiato dalla luce dell’attenzione e della consapevolezza.

boys-1149665_960_720-1-768x512

I bambini ci pongono quotidianamente domande trascendenti: “dove ero io prima di essere nella pancia della mamma?”. Domande che a volte mettono in difficoltà i genitori che probabilmente non hanno dedicato abbastanza tempo a indagare queste domande proprie del saggio filosofo, finendo per trovare una risposta ricorrendo a miti, semplificazioni o menzogne ​​per tagliare la conversazione il prima possibile, annientando la possibilità di ricerca in atto.

 

Quando rispondiamo ai bambini “prima di essere nella pancia della mamma eri in tutto, nell’universo” o “il luogo da dove veniamo prima di nascere è lo stesso in cui andremo quando moriremo”, sentiamo che per un momento il loro desiderio di conoscenza si rasserena, e riposa in qualcosa che sembrano riconoscere a un livello molto profondo. Non si stupiscono di queste risposte, piuttosto il contrario. Eppure, possono porci la stessa domanda ancora e ancora… Dobbiamo ricordare l’essenziale, ancora e ancora, per tornare all’essere.

 

Può anche accadere qualcosa di magico quando onestamente restituiamo loro la domanda: “tu cosa ne pensi? Dove eri prima di essere nella pancia di mamma?”. Un gioco di domande e risposte che ricorda molto il famoso koan Zen che chiede: “Quale era la tua faccia prima di nascere?” e l’indagine tradizionale sull’essere del vichara atma. Se la capacità di astrazione logica e matematica sembra non svilupparsi pienamente fino all’adolescenza, tuttavia siamo dotati sin dalla nascita della capacità di astrazione trascendente che caratterizza l’intelligenza transpersonale, della capacità di indagare l’identità essenziale e profonda, la connessione con l’universo, e della capacità di sviluppare la nostra consapevolezza.

children-1869265_1920

I giochi mindfulness per bambini contribuiscono a coltivare l’intelligenza transpersonale, anche se non viene nominata esplicitamente, a rendere i bambini consapevoli di quello spazio di pura osservazione al quale possono ancorarsi. Alcuni autori come Amy Saltzman lo chiamano “raggiungere il posto tranquillo e piacevole” da cui osservare il mondo; un mondo che include anche l’interiorità emotiva del bambino.

 

Attraverso l’Educazione Mindfulness, i bambini raggiungono la comprensione gratificante di non essere ciò che osservano, guadagnando quella distanza di sicurezza che è un segno dell’intelligenza transpersonale. Quando capiscono che “non sono” le loro emozioni, possono osservare le sensazioni passare attraverso il loro corpo: caldo, freddo, agitazione o meno… Tutte passano. Il bambino va rendendosi conto di essere “quello che rimane tranquillo”, osservando con sempre più serenità l’intero processo dell’emozione fin dai suoi primi segnali. Clicca qui se vuoi approfondire le chiavi Mindfulness per lo sviluppo emotivo dei bambini.

 

Come coltivare questa osservazione neutrale quando il bambino sta attraversando uno straripamento emotivo, come nel caso dei “capricci”? In momenti simili, il bambino o la bambina è confusa e tende ad identificarsi completamente con l’emozione. Se neghiamo, rifiutiamo o tentiamo di interrompere la reazione emotiva, il bambino sente la propria identità non riconosciuta, sbagliata, quindi finiamo per ottenere l’effetto opposto a quello cercato. Da questa prospettiva, il bambino impara che la sua reazione emotiva non va bene e finisce per reprimerla e respingerla, per sentire che lui, o qualcosa in lui, non va bene.

michelangelo-71282_960_720

Coltiviamo l’intelligenza transpersonale dei bambini in queste situazioni emotivamente critiche prestando loro la nostra presenza incondizionata. In quei momenti possono essere molto confusi e potrebbero non essere in grado di fare altro. Tuttavia, noi come osservatori, abbiamo il compito spesso difficile di non dimenticare chi sono, di non lasciarci intrappolare dall’illusione dell’identificazione con la loro reazione emotiva. Ricordiamoci che, in nessun caso, sono “cattivi” perché sentono ciò che provano. Possono piangere e scalciare quanto vogliono, giacché non fanno male a nessuno. C’è bisogno di pazienza attenta, compassionevole e neutra, di temperanza. Interveniamo attivamente se c’è il rischio che rechino danno a oggetti o persone, incluso a loro stessi. Un intervento responsabile e diligente che tagli fermamente l’azione, ma senza comunicare aggressività che di solito va ad aggiungersi alla spirale di rabbia e di frustrazione.

 

Il nostro obiettivo non è quello di annullare il comportamento fastidioso, ma ricordare loro che non sono ciò che stanno esprimendo in quel momento, e mostrargli con il nostro esempio come possono osservarsi con neutralità e compassione, anche nei momenti più difficili. Prestiamo loro il nostro sguardo testimone e la nostra presenza.

 

Quando la tempesta emotiva si intensifica, il bambino si sente un po’ alienato da se stesso, non capisce bene cosa gli stia accadendo. Si sente disorientato e, in quel momento, ha solo bisogno di sentire l’accettazione incondizionata dell’educatore. Uno sguardo, un gesto affettuoso e conciliante, un abbraccio… sono quindi ben accolti. Da qui può esserci una comprensione più chiarificante di ciò che è accaduto, altrimenti ci ritroviamo nel solito gioco razionale di “scuse e colpe” che ostacola qualsiasi apprendimento significativo.

 

Coltivare l’intelligenza transpersonale, come vediamo, ci porta ancora e ancora al centro del nostro essere, a una visione chiara e compassionevole che sentiamo dal cuore; un centro dal quale il bambino impara a muoversi e a prendere le decisioni importanti della vita, in connessione con un’intelligenza che lo trascende, mentre si sintonizza con qualcosa di più grande.

 

Scopri di più

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche