Dal maggiordomo rurale all’accoglienza migranti, ecco la montagna solidale

Due progetti sociali davvero innovativi, sostenuti da Fondazione Cariplo, promuovono integrazione, accoglienza e solidarietà nella montagna lombarda. Ve li raccontiamo in questo servizio.

montagna solidale_ant

L’Oltrepò Pavese è un territorio affascinante e ricco di biodiversità ma, come tutte le zone montane, può provocare anche qualche disagio a chi ci abita. A questo aggiungiamo il drammatico fenomeno dello spopolamento che da qualche tempo lo affligge e a cui proprio il progetto Oltrepò(bio)diverso sta cercando di proporre soluzioni.

 

In questa direzione va il lavoro della cooperativa La Sveglia e in particolare il progetto del maggiordomo rurale. Oltre a tanti servizi alle famiglie come doposcuola, assistenza domiciliare, babysitting, questa realtà ha lanciato una nuova proposta di supporto alle persone più fragili del territorio.

 

«Il maggiordomo rurale – spiega Chiara, coordinatrice della cooperativa – è una figura ideata per sostenere le persone del territorio che hanno difficoltà a gestire la vita quotidiana. È un “factotum” che si occupa di tutta una serie di faccende: va a fare la spesa, ritira la posta, taglia l’erba e così via».

 

Il servizio, prenotabile a chiamata tramite un numero verde, è reso possibile grazie al contributo di Fondazione Cariplo tramite il progetto Oltrepo(Bio)diverso, che a sua volta fa parte del programma di rivitalizzazione delle aree interne AttivAree.

 

Ma la solidarietà di queste montagne non è rivolta solo agli abitanti storici. Ci sono nuovi “montanari” con storie drammatiche alle spalle e tanta voglia di ricominciare una nuova vita. In Oltrepò Pavese hanno trovato un’opportunità per farlo attraverso un percorso formativo che si è tramutato poi in un inserimento lavorativo.

montagna solidale

«Abbiamo organizzato un corso per i richiedenti asilo ospitati dal CAS locale», spiega Francesca della cooperativa Finis Terrae. «Per questa iniziativa, inserita nell’ambito del programma AttivAree, abbiamo coinvolto una quarantina di aziende agricole locali e alla fine del percorso quattordici migranti hanno vinto una borsa lavoro. Cinque di loro sono stati anche assunti a seguito del progetto».

 

È una bella opportunità per queste persone di dimostrare al territorio che anche loro hanno voglia di fare e, al tempo stesso, una bella risorsa per una comunità vittima dello spopolamento che ha bisogno di forze fresche per ricostruire il proprio tessuto sociale.

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu: contribuisci col tuo 5 x mille!

Leggi anche