11 Mar 2019

Camilla, l'emporio di comunità: ecco la prima food coop italiana

Ha aperto a Bologna Camilla, la prima food coop italiana. In questa intervista realizzata in occasione della pre-apertura vi spieghiamo come funziona questo grande esperimento che ha la finalità di sovvertire il modello di consumo imposto dalla grande distribuzione.

Da un mese il sogno è diventato realtà: Camilla, la prima food coop italiana, ha ufficialmente aperto i battenti ed è pienamente operativa! I soci e le socie della cooperativa possono recarsi nella sede di Bologna per acquistare prodotti locali, biologici e solidali, partecipando a questo esperimento rivoluzionario che intende cambiare il modo in cui ci approcciamo al mondo del consumo alimentare.

 

In questa intervista che abbiamo realizzato presso l’emporio – che si trova in via Casciarolo 8/d a Bologna – Mattia, uno dei soci, ci racconta come è stato allestito il negozio e quali sono le attività previste. Già, perché oltre a vendere dei prodotti Camilla intende creare cultura: del mangiare sano, della consapevolezza rispetto al tema della produzione e della vendita del cibo, della condivisione come strumento economico e sociale, della creazione di alternative al modello della Grande Distribuzione Organizzata.

 

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

Articoli simili
TTIP, TISA, CETA: la carica dei trattati globali per fermare il cambiamento dal basso

Io faccio così #182 – Benvenuti a H-Farm, la Silicon valley italiana

Dal TTIP al CETA: come uscire dalla “Gabbia dei trattati”?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il mondo nella trappola del debito – #450

|

65 domande per le future imprenditrici. Voi cosa rispondete?

|

S.O.S. Sanità Pubblica Liguria: denunce e proposte per salvare la nostra sanità

|

Piantare alberi contro il cambiamento climatico: il sogno della Foresta condivisa del Po piemontese

|

La danza degli opposti: e se le differenze generassero risate invece che odio?

|

La psicologa Cavallini: Covid devastante sulla psiche umana, la psicologia non deve più essere un tabù!

|

La dura vita di pazienti non Covid (e dei loro accompagnatori) in ospedale

|

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico