“Giovani asociali? Noi abbiamo scelto di vivere insieme”

Un gruppo di ragazze e ragazzi ha deciso di vivere insieme a Rimini avviando un progetto di vita comunitario basato sulla condivisione, la vicinanza con la natura, la responsabilità e la conoscenza di se stessi e degli altri. L'obiettivo è quello di creare un nuovo modello sociale basato sulla possibilità di crescita insieme agli altri.

assamil--

Assamil ovvero “Albero casa” è il nome con cui si identificano otto ragazzi, tra i venti e i trent’anni che vivono a Rimini in una comunità urbana. Per saperne di più ho parlato con Denise che mi ha raccontato come cinque anni fa è nata questa esigenza di condivisione di idee, spazi ed esperienze.

assamil--

Parlando con lei la prima cosa che mi ha colpita è stata una sua semplicissima domanda, mi ha chiesto “Come stai?”. Era la prima volta che ci parlavamo e la sua non era una semplice domanda di circostanza: ho colto un sincero interesse. Così Denise mi ha trasmesso subito parte del loro progetto e approccio alla vita.

 

Dopo la sua domanda, infatti, è rimasta in silenzio aspettando pazientemente finché non ho iniziato a parlare. È stata evidente fin da subito la loro ricerca e attenzione verso quei valori che troppo spesso vengono sacrificati a causa di una vita “mordi e fuggi”, soprattutto tra i giovani che sono bombardati continuamente dal dover fare, dimostrare e realizzare spesso spinti da quel che ci si aspetta da loro o da quel che “è giusto fare” più che dal semplice “vivere con i propri colori”, come ci ha raccontato sorridendo Denise.

 

Nella loro originale famiglia ci sono studenti in sociologia, in bioedilizia, ingegneri, naturopati ma anche pranoterapeuti, artisti e operatori Shiatsu. All’interno del gruppo ognuno porta ciò che è davvero, ciò che ama essere e lo mette a beneficio degli altri portando ogni giorno esperienze, condivisioni, idee e tanto desiderio di allargare questa visione della vita a più persone possibili.

Una parte del gruppo di Assamil

Una parte del gruppo di Assamil

Questi ragazzi hanno creato la loro comunità all’interno di una casetta vicino a un grande parco sottolineando l’importanza dell’amore incondizionato verso la natura, gli alberi e verso il prossimo. Il loro è un progetto va al di là di una semplice convivenza o cohousing: è un modo per conoscere e interessarsi veramente delle persone, nella loro totalità e unicità. La quotidianità è organizzata perfettamente con dei ruoli in cui vengono suddivise le responsabilità, dalle pulizie alla cucina e a rotazione viene eletta una guida del gruppo.

 

Assamil ha inoltre creato un appuntamento fisso per chi vuole avvicinarsi e vedere più da vicino di cosa si tratta e lo fa organizzando un aperitivo ogni giovedì, aperto a tutti ma cercando di non superare le trenta persone in quanto questi momenti di ritrovo sono molto importanti e speciali e vogliono essere certi che ogni persona si senta benvenuta, seguita e che prenda parte alle attività che si svolgono insieme. Gli aperitivi ad Assamil sono occasioni di crescita personale con esperimenti sensoriali, giochi, meditazioni, ascolto di musica e tanta condivisione.

 

I ragazzi di Assamil si ispirano all’ecovillaggio di Damanhur in cui hanno trovato una risonanza dei loro valori e di approccio alla vita oltre alla guida di chi ha abbracciato questo stile di vita circa quarant’anni fa. Hanno recentemente organizzato un weekend presso l’ecovillaggio di Torino dove attraverso i social e il passaparola hanno invitato chiunque desiderava vivere due giorni di meditazione, condivisione e raccoglimento nella natura.

assamil-rimini

“E le tensioni? E i litigi?”. Denise ci ha dato una risposta semplice e matura: “Le controversie possono nascere e sono normalissime ma le affrontiamo chiedendo di fare sempre un passo verso l’altro e di risolverle entro una settimana, in privato o con l’aiuto del gruppo e anche questi momenti diventano occasioni di condivisione e crescita”. Abbiamo chiesto se ci sono delle regole per poter entrare nel loro gruppo: l’unica su cui sono tassativi è quella del non fumare.

 

Il loro desiderio è quello di crescere come comunità e di avvicinare sempre più persone a questo nuovo modo di vivere, a dispetto dell’estrema individualità con cui ognuno di noi, spesso senza volerlo vive ogni giorno, Assamil propone un’apertura di se stessi e verso gli altri e considerando la bella energia che si percepisce parlando con loro, vale la pena rifletterci su.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu: contribuisci col tuo 5 x mille!

Leggi anche