Cosa dicono i bilanci sull’impegno dei comuni per la qualità dell’aria

Nel 2017, 35 aree urbane hanno superato il limite previsto dall’Ue sulla presenza nell’aria del Pm10. Anche se gli enti locali sono solo uno degli attori coinvolti, Openpolis propone uno studio che analizza quanto spendono per il monitoraggio della qualità dell’aria e il suo miglioramento.

openpolis_ant

L’Organizzazione mondiale della sanità stima che ogni anno nel mondo, 4 milioni di decessi siano attribuibili all’inquinamento atmosferico. Le attività industriali, il riscaldamento domestico, il traffico veicolare e altre cause sono all’origine della presenza di agenti inquinanti nell’aria, a un livello pericoloso per la vita umana. Il contrasto di questo fenomeno rappresenta una delle sfide cruciali del terzo millennio e coinvolge tutti i paesi del mondo, compreso il nostro.

openpolis 4Il rapporto Ispra sulla qualità dell’aria in Italia mostra che, nel 2017, 35 aree urbane hanno superato il limite previsto dall’Ue sulla presenza nell’aria del Pm10. Questo termine identifica il materiale particolato aerodisperso, l’inquinante atmosferico con il maggior impatto sulla salute dell’uomo. Tra le cause della presenza del Pm10 riconducibili all’azione umana, la combustione del carburante dei veicoli è la principale.

 

Qualità dell’aria, più sforamenti al nord

 

Per legge è stato fissato un limite giornaliero di Pm10, da non superare più di 35 volte in un anno. La mappa mostra le aree urbane che hanno superato il limite, tra quelle per cui il dato 2017 era disponibile. Notare che le aree urbane si estendono oltre i confini della città di riferimento. I dati su Milano sono rappresentativi anche di Como e Monza.

 

Le 35 aree urbane che hanno superato il limite di emissioni di polveri sottili (Pm10) nel 2017

Le 35 aree urbane che hanno superato il limite di emissioni di polveri sottili (Pm10) nel 2017

Le aree urbane che hanno superato il limite del Pm10 sono concentrate nel nord Italia. Torino tra tutte registra il maggior numero di superamenti: 118 giorni al di sopra del valore stabilito. Seguono Cremona, Alessandria e Padova. Al centro e al sud del paese emergono Frosinone, con 93 giorni di superamento, Caserta e Avellino.

 

La spesa dei comuni per la qualità dell’aria

 

L’inquinamento atmosferico è un fenomeno di portata globale e richiede soluzioni politiche nazionali e internazionali. Ciò non toglie che degli sforzi per tutelare la qualità dell’aria debbano essere perseguiti anche a livello locale. In Italia, le regioni svolgono un ruolo centrale in questo senso, attraverso l’attività delle Arpa, le agenzie regionali per la protezione dell’ambiente. Questi enti pubblici monitorano fonti e fattori di inquinamento ambientale e svolgono un ruolo di supporto tecnico alle regioni, da cui sono gestite, e a province e comuni.

 

Nei bilanci comunali, la voce destinata alla qualità dell’aria include le spese per la costruzione e manutenzione di stazioni di monitoraggio, barriere anti-rumore per l’inquinamento acustico, impianti per decontaminare terreni inquinati. Comprende inoltre i sussidi a sostegno delle attività collegate al controllo dell’inquinamento e la spesa per interventi di controllo delle emissioni di agenti inquinanti nell’aria.

 

Mantenendo come territorio di analisi le aree urbane, abbiamo considerato quelle che fanno riferimento alle città più popolose d’Italia e osservato, in quei comuni, la spesa pro-capite per la riduzione e il controllo dell’inquinamento.

 

Genova spende di più delle altre grandi città per la qualità dell’aria

 

Spesso i comuni non inseriscono le spese per la qualità dell’aria nella voce di bilancio dedicata. Un comune potrebbe riportare una somma pari a 0 nel bilancio, non per l’effettiva mancanza di spesa in quell’ambito, ma perché ha utilizzato un riferimento diverso nel rendiconto rispetto a quello indicato.

Spesa procapite per la qualità dell'aria, nelle città con più di 200.000 abitanti (2017)

Spesa procapite per la qualità dell’aria, nelle città con più di 200.000 abitanti (2017)

Le grandi città del nord Italia, guidate da Genova, Padova e Venezia, hanno i livelli più alti di spesa, con un ampio distacco rispetto a Milano, Trieste e Torino. Sono invece escluse dalla classifica Roma, Verona e tutte le grandi città del sud (Napoli, Palermo, Bari, Catania, Messina), in quanto nei rispettivi bilanci riportano una spesa per qualità dell’aria e riduzione dell’inquinamento pari a 0.

 

Ma stanno veramente spendendo zero?

 

Vista la particolarità dei risultati e l’ampia discrepanza emersa dal grafico, abbiamo approfondito questa voce di spesa attraverso il documento unico di programmazione di alcune delle grandi città del sud. Si tratta dell’atto con cui gli enti locali traducono gli obiettivi dell’amministrazione nelle scelte di bilancio. Spesso le spese per la qualità dell’aria non sono inserite nella voce di bilancio dedicata. I comuni di Napoli e di Palermo fanno riferimento, nei propri Dup, ad attività relative al monitoraggio e alla riduzione dell’inquinamento, ma senza collegarle direttamente alla voce di spesa specifica.

 

Nel caso di Roma, queste attività sono associate a voci diverse da quella predisposta. Nell’ultimo Dup approvato dall’amministrazione capitolina, relativo al biennio 2019-2021, sono previste delle spese per regolamentazione e monitoraggio delle emissioni inquinanti nell’aria, ma vengono inserite nel programma di “tutela, valorizzazione e recupero ambientale”. Una voce che comprende, tra le altre cose, le spese per la manutenzione del verde pubblico, ed è quindi diversa da quella dedicata, che negli schemi di bilancio è denominata “qualità dell’aria e riduzione dell’inquinamento”.

 

Alla luce di questi casi, un comune potrebbe dunque riportare una somma pari a 0 nel bilancio, non per l’effettiva mancanza di spesa in quell’ambito, ma perché ha utilizzato un riferimento diverso nel rendiconto rispetto a quello indicato. 7.145 i comuni italiani che hanno una spesa pari a 0 per la qualità dell’aria nel 2017. Questo pone dei grossi limiti alle analisi sulla gestione delle risorse pubbliche da parte degli enti locali, mentre su un tema così centrale come la qualità dell’aria, sarebbe importante poter verificare in modo più immediato gli sforzi di chi amministra il territorio.

 

Solo 339 comuni registrano una spesa per la qualità dell’aria nel proprio bilancio

Spesa pro capite per la qualità dell'aria e riduzione dell'inquinamento, nei comuni italiani (2017)

Spesa pro capite per la qualità dell’aria e riduzione dell’inquinamento, nei comuni italiani (2017)

Le amministrazioni che spendono parte del proprio bilancio per la voce relativa alla qualità dell’aria si concentrano nel nord del paese. Questo risultato è in linea con quanto visto in precedenza: le aree urbane settentrionali hanno livelli di emissioni inquinanti più alti del resto d’Italia e questo potrebbe spingere i comuni a investire nella riduzione dell’inquinamento. Tuttavia, il dato più rilevante che emerge da questa mappa è che per la maggior parte dei territori italiani, compresi i più inquinati, è molto difficile ricostruire l’impegno degli enti locali nel controllo di questo fenomeno.

 

Articolo tratto da Openpolis

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu: contribuisci col tuo 5 x mille!

Leggi anche