Pubblicati da Andrea Degl'Innocenti

Perché i sistemi complessi sono più affascinanti delle teorie del complotto

<p>I sistemi complessi evolutivi, come gli ecosistemi naturali o il sistema socio-economico, sono capaci di sviluppare caratteristiche talmente elaborate e perfette negli incastri da sembrare quasi magiche, al punto che risulta molto più facile e lineare pensare che qualcuno le abbia decise dall’alto. Nascono così le teorie del complotto, risposte lineari a problemi complessi che non servono a costruire soluzioni.</p>

Pronti, attenti, via! Viaggiamo in un mo(N)do diverso

<p>Dopo il successo della campagna educazione, in vista dell&#8217;estate siamo pronti a lanciare una nuova iniziativa! Questa volta ci concentriamo sul turismo consapevole e proponiamo una serie di alternative al turismo di massa, impattante sul pianeta e sulle culture e tradizioni locali. Siete pronti a viaggiare in un mo(N)do diverso?</p>

La campagna educazione è stata un successo!

<p>La campagna &#8220;La scuola cambia, cambia la tua scuola&#8221; è appena terminata con risultati davvero incoraggianti. Centinaia di persone in tutta Italia si sono attivate per cambiare la propria scuola e formarsi sull&#8217;educazione all&#8217;aria aperta. In questo articolo presentiamo i risultati della campagna e vi diamo un indizio sulla prossima. Curiosi?</p>

La rivoluzione delle noci di cocco è stata la prima rivoluzione ecologica della storia

<p>Verso la fine del secolo scorso nell&#8217;isoletta di Bouganville, dell&#8217;arcipelago della Papua Nuova Guinea, la popolazione locale è riuscita a far chiudere la più grande miniera a cielo aperto e quindi a trasformare la propria isola in un ecosistema completamente autosufficiente. Malgrado gli aspetti controversi della vicenda, &#8220;la rivoluzione delle noci di cocco&#8221; è stata definita da alcuni la prima rivoluzione ecologica della storia.</p>

Contribuisci a raccontare la decrescita! Parte il crowdfunding per il documentario sul Biketour

<p>Le ragazze e i ragazzi del Movimento per la decrescita felice nel settembre scorso si sono imbarcati in una folle impresa: percorrere in bicicletta tutto il sud Italia da Lecce a Palermo con l’intento di raccontare a tutti che un altro mondo è possibile, più equo, sostenibile e felice. Italia che cambia li ha seguiti con camper e ha documentato tutto il viaggio. Adesso è il momento di realizzarne un documentario che contribuisca a diffondere le idee della decrescita attraverso gli occhi di chi la vive. Vuoi partecipare al crowdfunding per realizzarlo?</p>

Io faccio così #161 – Maestri di Strada, educazione all’avanguardia al servizio degli ultimi

<p>Educare i ragazzi senza uniformarli, cercando di fare emergere i loro talenti. È questo l&#8217;impegno dei Maestri di Strada che da anni operano in una delle zone più problematiche d&#8217;Italia, l&#8217;Idroscalo del Lido di Ostia, per contrastrare l&#8217;abbandono scolastico e offrire alle nuove generazioni l&#8217;opportunità di un futuro migliore.</p>

Tutta la differenza del mondo

<p>&#8220;Al di là degli approcci educativi e dei modelli pedagogici, la differenza fondamentale la fanno le persone, la loro passione, le loro competenze. Quello che Patrizia e gli altri insegnanti sono riusciti a fare i una scuola pubblica cosiddetta “tradizionale&#8221;. Andrea Degl&#8217;Innocenti ci racconta la sua visita all&#8217;Istituto Tecnico Economico Olivetti di Lecce dove è stato invitato per aprire un ciclo di incontri rivolti ai ragazzi sui 17 temi dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite per un mondo migliore. </p>

“Quando Troia era solo una città”, un mondo diverso è possibile, anzi è già esistito!

<p>Abbiamo intervistato Mirella Santamato, autrice del libro &#8220;Quando Troia era solo una città&#8221;. Nella pubblicazione, la studiosa ripercorre millenni di storia, evidenziando il passaggio dall&#8217;Età dell&#8217;Oro ai tempi moderni, un&#8217;epoca buia in cui predomina un atteggiamento di supremazia, violenza e sottomissione.</p>