Pubblicati da Elisabetta Elia

Lasa Andè, la borsa del “lasciareandare” continua a viaggiare

La borsa che viaggia chiamata simbolicamente Lasa Ande’, che in dialetto romagnolo significa “lasciare andare”, allarga la sua rete e sbarca in Libano dove assume un significato importante e curativo: quello di liberarsi anche dai traumi di guerra. E qui, dove tutto è da ricostruire, il progetto assume nuove forme, coinvolge la popolazione locale e promuove l’economia circolare.

Fondazione Oelle: la rigenerazione artistica per il futuro della Sicilia

Promuovere l’arte in Sicilia per favorire una rigenerazione del territorio e offrire nuove possibilità in particolare ai giovani. È questa la missione della Fondazione Oelle Mediterraneo Antico presieduta da Ornella Laneri che ci ha parlato delle attività promosse in questi anni e dell’iniziativa ora in corso per sensibilizzare i siciliani sul tema dell’inquinamento marino utilizzando il linguaggio dell’arte. Ad aprire questo ciclo di eventi è stato Michelangelo Pistoletto che ha presentato il simbolo del Terzo Paradiso realizzato a Catania con plastiche recuperate dal mar Mediterraneo.

Vivere la Sicilia con il turismo esperienziale

Fare di ogni viaggio un’occasione per vivere esperienze sensoriali ed emozioni autentiche a contatto con il territorio. Questa l’idea di un gruppo di ragazzi siciliani che hanno dato vita a Vitulia experience, un’associazione nata per valorizzare le bellezze della Sicilia e favorire l’economia locale attraverso un turismo attento alle persone e ai luoghi.

Correre insieme per creare comunità: ogni sabato è parkrun

Ogni sabato mattina in varie località d’Italia e del mondo ci si ritrova e si corre insieme per cinque chilometri. L’obiettivo è socializzare, fare attività fisica e vivere il proprio territorio, valorizzandolo: tutto questo è parkrun, fondato dall’inglese Paul Sinton-Hewitt e divenuto ora un appuntamento fisso anche in molte città del nostro Paese.

Belmonte, il borgo abbandonato rinasce come albergo diffuso

A Belmonte, in provincia di Cosenza, c’è l’unico albergo diffuso di tutta la Calabria: eco-sostenibile e rispettoso del territorio, ha fatto rivivere un intero borgo in via di abbandono. Un esempio virtuoso di come il turismo sostenibile possa favorire la rinascita di piccoli centri italiani che rischiano di sparire a causa dello spopolamento.

Monica Lasaponara: “Non sei felice? Cambia lavoro” – Io faccio così #247

Ascoltarsi, rendersi conto del proprio malessere, scoprire o riscoprire le proprie aspirazioni e quindi cambiare. È il percorso seguito da Monica Lasaponara che dopo aver trasformato in meglio la sua vita è diventata un’escape coach: aiuta le persone insoddisfatte a cambiare lavoro per vivere meglio. “Seguire i propri desideri è la chiave per essere felici”.

“Non sono alternativa, sono nata contadina”

Vita, terra e scrittura sono strettamente intrecciate nella vita di Francesca Pachetti, “La Raccontadina” che da un po’ di tempo ha deciso di condividere su un blog la sua quotidianità nei campi. La sua storia ora diventa un libro edito da Pentagora e scritto da lei, malgrado le resistenze iniziali. Perché l’importante è seminare (e zappare, soprattutto).

Il Casale della Cervelletta: un bene comune da ridare a Roma

Il Casale della Cervelletta a Roma, situato nel parco dell’Aniene tra Tor Sapienza e Colli Aniene, è un bene storico e culturale abbandonato dalle istituzioni. Una mobilitazione civica lo ha salvato dall’oblio facendo ma molto resta ancora da fare per il recupero di questo posto antico risultato primo nella classifica regionale del censimento FAI all’interno del concorso “I luoghi del cuore”.

Da un comitato di quartiere può rinascere la città

Alcuni abitanti di Caltanissetta hanno dato vita ad un comitato di quartiere impegnandosi in prima persona per il recupero di alcune aree degradate e al contempo portando all’attenzione degli amministratori l’urgenza di riqualificazione e valorizzazione della città. Perché partendo da un piccolo cambiamento si possono innescare circoli virtuosi. Ne abbiamo parlato con Marcello Bellomo, presidente del Comitato.

Artigianato: il progetto di due giovani per restare in Sicilia

Giampiero e Filippo sono due giovani artigiani siciliani che da anni lavorano il legno e la pietra in modo naturale. La loro idea è quella di mescolare ora i due elementi per dar vita a creazioni naturali e innovative. Un progetto di artigianato che potrebbe aiutarli a realizzare un grande sogno: restare a vivere e lavorare in Sicilia.