Integrazione sociale

yepp-porta-palazzo-giovani-protagonisti-cambiamento
 / Daniela Bartolini / Articoli / Integrazione sociale

YEPP Porta Palazzo, giovani protagonisti del cambiamento nel cuore multietnico di Torino

Nel cuore di Porta Palazzo, quartiere multietnico sede del più grande mercato all’aperto d’Europa, dal 2012 un gruppo di giovani dai 15 ai 29 anni fa quotidianamente esercizi di cittadinanza attiva, praticando l’accoglienza e il superamento dei pregiudizi. Lo fa grazie a YEPP Porta Palazzo, un progetto, un metodo che permette ai giovani e a chi lavora con loro di progettare e realizzare azioni che migliorino la qualità della vita.
nofilter-heyho2014-Casablanca-streetart-Woman.-Girl.-Butterflies.-Transformation.-foto-di-Kate-Bunker-da-Flickr.com_-1140x641
 / Alessia Canzian / Articoli / Questione di genere

Centro Noemi: donne che sostengono altre donne

Un Centro antiviolenza a Crotone, un luogo sicuro a cui chiedere consigli. Ne abbiamo parlato con suor Michela Marchetti: nessuno potrà obbligare qualcuna a fare un passo contro la sua volontà, altrimenti sarebbe una violenza anch’essa. Dall’altra parte, chi aiuta, deve stare molto attento a non fare promesse che non si possono mantenere. Si tratta di una relazione a due. Un cammino da percorrere tenendosi per mano.
cambalache-piemonte-accogliente-1506932175
 / Alessia Canzian / Articoli / Integrazione sociale

Cambalache, un tango argentino per raccontare un Piemonte più accogliente

Siamo ad Alessandria per raccontarvi della Associazione di Promozione Sociale Cambalache. Una realtà che ha saputo andare oltre l’accoglienza per promuovere il dialogo interculturale. Un incontro che passa anche attraverso il cibo e i gusti della cucina africana. Un incontro che si trasforma in formazione ed inserimento lavorativo grazie al progetto “Bee my job”.
eyecontact1-1030x574
 / Francesco Bevilacqua / Articoli / Integrazione sociale

Eye contact: cosa succede se guardi negli occhi un estraneo?

Eye Contact Experiment è un esperimento umano e sociale che arriva dall'Australia. Consiste nel guardare negli occhi un'altra persona, anche sconosciuta, e stabilire con lei un reale contatto e una possibilità di provare a riavvicinarci, come esseri umani, gli uni agli altri. Monica sta cercando di diffondere questa pratica in Italia, in particolare nelle scuole.