Ambiente

645x344-9-bodies-recovered-300-still-missing-in-brazil-dam-disaster-1548507814985
 / Redazione / Ambiente / Articoli

Crollo della diga in Brasile: “Un altro crimine ambientale”

“Quando si verificano casi come questi, non possono essere considerati come incidenti, ma crimini ambientali”. È quanto afferma Greenpeace Brasil in riferimento al crollo della diga avvenuto in Brasile, a tre anni di distanza da un precedente disastro. Secondo il WWF il governo brasiliano dovrebbe aumentare i controlli e adottare un rigoroso regime di licenze e controlli. Eppure Bolsonaro sembra aver scelto di seguire tutt'altra direzione.
brasile-indigeni-bolsonaro
 / Survival International / Ambiente / Articoli / Sostenibilità ambientale

Bolsonaro ‘dichiara guerra’ ai popoli indigeni del Brasile

I diritti e le terre dei popoli indigeni del Brasile sono in serio pericolo. Jair Bolsonaro ha infatti inaugurato la sua presidenza affidando la responsabilità di demarcare le terre indigene al Ministero dell'Agricoltura che vede al suo vertice un ministro da tempo favorevole all'espansione dell'agricoltura all'interno dei territori dei primi popoli del paese che rischiano ora in genocidio.
aran-torrente
 / Ezio Maisto / Ambiente / Articoli

Greta e Aran, attivisti adolescenti: non si è mai troppo piccoli per fare la differenza

Non c’è solo Greta, la 15enne studentessa svedese salita pochi giorni fa sul palco dell’ultima conferenza mondiale sul clima e rivoltasi con durezza ai rappresentanti dei governi seduti in platea. Anche l’Italia ha un attivista adolescente in prima linea. Si chiama Aran, è friulano, e con i suoi sforzi in difesa del torrente che scorre accanto a casa sua ha appena ottenuto un importante successo.
farming-climate-change-3449647_960_720
 / Alessandra Profilio / Ambiente / Articoli

Fanghi inquinanti e condoni edilizi: i punti più controversi del “decreto Genova”

Spargimento di fanghi contaminati sui terreni agricoli, nuovi condoni nell'isola di Ischia e sanatoria degli illeciti edilizi nell'area del Terremoto del Centro Italia. Sono questi alcuni dei punti più controversi del cosiddetto “decreto Genova”, un provvedimento che solo in parte riguarda il capoluogo ligure e l'emergenza post-crollo del ponte Morandi.