Articoli contenenti il tag educazione

michele-dotti-daniel-tarozzi
 / Paolo Cignini / Articoli / Meme!

Michele Dotti: l'educazione e il coraggio di seguire i nostri talenti – Meme #26

Michele Dotti è formatore, scrittore, organizzatore di spettacoli teatrali e documentarista. Amico storico di Italia che Cambia, da anni è impegnato nel formare ed educare le persone al cambiamento. Lo fa lavorando soprattutto con le scuole e gli insegnanti. Insieme a lui, tra le tante cose, abbiamo parlato dell’educazione, dell’importanza dei talenti e del coraggio della lentezza come motore di cambiamento. 
IMG-20190719-WA0008
 / Annalisa Jannone / Articoli / Educazione

Una Casa della Lumaca: educazione nonviolenta in mezzo alla Natura

Fiducia, rispetto, gioco e pace. Sono questi i principi fondamentali che ispirano il metodo pedagogico adottato dalla Casa della Lumaca, un progetto di educazione nella natura ed ecologia applicata rivolto ai bambini e alle famiglie di Marotta, in provincia di Pesaro-Urbino. L’obiettivo è proteggere l’infanzia dai ritmi e dai modelli che perpetriamo automaticamente per imparare ad essere felici.
0780551504_Castello_della_Valle-2 - Copia
 / Redazione / Articoli / Educazione

Maestri Fuori Classe: al via il festival della formazione e dell’apprendimento continuo

Dopo il successo della prima edizione torna dal 22 al 28 luglio Maestri Fuori Classe, festival sulla Formazione e sull’Apprendimento Continuo, che si terrà in Calabria in uno dei borghi più belli d'Italia, Fiumefreddo Bruzio. Durante la settimana interamente dedicata al lifelong learning vi saranno diverse occasioni di dibattito sulle modalità con cui generare un apprendimento che renda il cittadino membro attivo nella costruzione di un futuro migliore.
sanfrancisco9
 / Cristina Diana Bargu / Articoli / Stili di vita

Vivere semplice: genitorialità consapevole e minimalismo familiare

Mettere da parte l’imperativo dell’utile, il dogma dell'efficienza e la ricerca della perfezione per valorizzare il gioco, l’arte e le passeggiate in natura. E ancora togliere – giocattoli, stimoli, impegni – per lasciare spazio e tempo ai sensi e al sentire. Sono questi alcuni degli spunti contenuti nel testo “Vivere semplice. Con i figli, con se stessi” scritto dalla mamma e consulente di comunicazione Sabrina D'Orsi, autrice su genitorialità consapevole, minimalismo familiare e scelte educative non convenzionali.
facci caso 3
 / Daniel Tarozzi / Articoli / Legalità

Facci Caso! Quando l'educazione alla legalità entra a scuola

Si è concluso anche quest'anno il percorso nelle scuole del progetto di educazione alla legalità “Facci Caso”, realizzato da Co2 Crisis Opportunity Onlus in collaborazione con Italia che Cambia e Cross – Osservatorio sulla Criminalità Organizzata Università degli studi di Milano; con il supporto di Assolombarda Confindustria Milano, Monza, Brianza e Lodi. Daniel Tarozzi, giornalista che ha preso parte al processo, ripercorre le tappe di questo lavoro, raccontando quanto vissuto a contatto con i ragazzi di due istituti superiori della Brianza, l'I.T.I. "P. Hensemberger" di Monza e I.I.S. Floriani di Vimercate.
13226664_1728166430805806_727933704183205067_n
 / Lucia Berdini / Articoli / Educazione

Tutti Fuori Festival, un viaggio unico nel mondo dell’infanzia

Il 18 e 19 Maggio, nelle Marche, si terrà la seconda edizione di “Tutti Fuori”, il primo festival in Italia a trattare in maniera approfondita il tema delle pedagogie alternative. Due giorni dedicati a famiglie, educatori e professionisti dell’infanzia, un invito a mettersi in discussione e sperimentare attraverso conferenze, workshop e giochi, i vari ruoli e relazioni che ogni giorno ci troviamo a vivere. Genitori, figli, educatori. Dove? Preferibilmente in Natura.
children-99507_1920 (1)
 / Scuola di sviluppo transpersonale / La via d'uscita è dentro

"Da bambino mi hanno detto che la rabbia era cattiva"

Storicamente da parte degli educatori sono stati impiegati numerosi sforzi per sradicare dai bambini le espressioni di rabbia, comunemente considerate negative. Cosa c'è di sbagliato in questo approccio? Cosa succede quando non ci permettiamo di provare rabbia? Come guardare a questa emozione in modo più comprensivo e compassionevole, accettando la sua inevitabile presenza?