Articoli contenenti il tag guerra

lasa-andè-2
 / Elisabetta Elia / Articoli / Stili di vita

Lasa Andè, la borsa del “lasciareandare” continua a viaggiare

La borsa che viaggia chiamata simbolicamente Lasa Ande’, che in dialetto romagnolo significa “lasciare andare”, allarga la sua rete e sbarca in Libano dove assume un significato importante e curativo: quello di liberarsi anche dai traumi di guerra. E qui, dove tutto è da ricostruire, il progetto assume nuove forme, coinvolge la popolazione locale e promuove l'economia circolare.
zanotelli-riace-vetrano
 / Veronica Tarozzi / Articoli / Informazione e comunicazione

Alex Zanotelli: “La nonviolenza parte dall'informazione”

Corsa agli armamenti, nucleare, ripudio della guerra, rispetto della Costituzione. Fare informazione su questi temi è fondamentale per creare consapevolezza e stimolare l'impegno di tutti – cittadini, Chiesa e istituzioni politiche – per favorire la cultura della pace e della nonviolenza. Ne è convinto il religioso e attivista Padre Alex Zanotelli, che abbiamo intervistato a margine di un convegno tenutosi a Firenze in occasione del 70esimo anniversario della NATO.
nuclear-weapons-test-67557_960_720
 / Veronica Tarozzi / Articoli / Stili di vita

Quando saranno abolite davvero le armi nucleari?

Quanto ancora rimane da fare affinché le armi nucleari vengano definitivamente abolite? È questa una delle domande che abbiamo posto a Susi Snyder, membro del Comitato Direttivo di ICAN, e Francesco Vignarca, coordinatore nazionale della Rete Italiana Per il Disarmo, organizzazione partner della Campagna Internazionale per l’Abolizione delle armi Nucleari, insignita del Premio Nobel per la pace 2017 per aver portato all'approvazione del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari. Quest'ultimo però non è ancora vincolante.
rondine5
 / Daniel Tarozzi / Integrazione sociale / Le Storie!

Io Faccio Così #107 – Rondine, il piccolo borgo dove si costruisce la pace

Grazie al progetto Rondine – Cittadella della Pace', un piccolo borgo in provincia di Arezzo ospita studenti provenienti da paesi in conflitto tra loro che qui sperimentano una vita di convivenza, di formazione e di studio. L'obiettivo è quello di far riscoprire la persona che si nascondeva dietro lo spauracchio del 'nemico' rendendo evidenti le similitudini tra le due parti e l'umanità che le accomuna.