Articoli contenenti il tag lettura

michele-gentile
 / Ezio Maisto / Arte e cultura / Articoli

“Non rifiutiamoci”, il libraio che scambia rifiuti con un libro

Dopo aver lanciato anni fa l’iniziativa del “libro sospeso”, ispirata all’usanza napoletana di lasciare un caffè pagato per un avventore meno abbiente, un libraio del Cilento regala libri in cambio di rifiuti in plastica e alluminio. Un modo originale per sensibilizzare sul problema dei rifiuti, promuovere la lettura e sottolineare il ruolo sociale delle librerie nei piccoli centri.
kamishibai-1
 / Lucia Berdini / Arte e cultura / Articoli

“La poesia e le risate salveranno il mondo”: il Kamishibai di Valentina

In un teatrino di legno sono inserite le tavole che raffigurano la storia che si racconta. È questa la tecnica giapponese del Kamishibai, uno strumento che unendo teatro, lettura e poesia regala a bambini e adulti nuove occasioni di gioco, condivisione e divertimento. Per saperne di più Lucia Berdini, docente di yoga della risata, ha intervistato Valentina Lucatti, appassionata di questa forma di narrazione dalle antiche origini orientali.
cantautore-unisce-librerie-1
 / Ezio Maisto / Arte e cultura / Articoli

Il cantautore che unisce le librerie indipendenti d’Italia

Dopo essersi laureato con una tesi sulle librerie indipendenti, il cantautore Alessandro Polloni inizia a viaggiare in treno e bici in tutta Italia. Ad ogni tappa presenta in una libreria indipendente il suo libro tascabile, un racconto poetico-introspettivo che parla delle esperienze che lo hanno portato a comporre le sue canzoni su temi quali il viaggio, la sostenibilità e la cultura locale. La prima fase del suo progetto “Un sentiero sostenibile” si è da poco conclusa dopo nove, emozionanti tappe, ma altre ne arriveranno.
mamusca1
 / Paolo Cignini / Le Storie!

Io faccio così #172 – Mamusca a Milano: nella periferia il bar con le mamme al centro

Mamusca è un bar, libreria e negozio di giochi pensato per mamme e bambini. Oltre a questo, è un luogo d’incontro tra adulti e bambini e una sperimentazione di come fare rete tra le persone, in un quartiere periferico della città, possa contribuire a migliorare la vita di tutti e a ri-concettualizzare l’idea del bar e del luogo di incontro. Partendo con pochi soldi, con il riuso e il riciclo dei materiali e una buona alimentazione.