9 Nov 2012

Secondo giro di boa!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Ed eccoci al secondo “mesiversario”. Il 9 settembre lasciavo la casa dei miei nonni, tra la Liguria e il Piemonte […]

Ed eccoci al secondo “mesiversario”. Il 9 settembre lasciavo la casa dei miei nonni, tra la Liguria e il Piemonte senza sapere esattamente a cosa sarei andato incontro. Dopo due mesi, devo dire che le mie più rosee aspettative sono state senz’altro superate. Molti incontri sono stati a dir poco entusiasmanti e le realtà che ho incontrato in Piemonte, Veneto, Lombardia, Liguria, Sardegna, Trentino, Alto Adige e ora Friuli, si sono rivelate diverse ma sempre intense e arricchenti.
rossaIl viaggio è ancora lungo e non nascondo certo le difficoltà che ogni tanto affiorano. Il freddo tagliente, le spese continue per spostarsi, i danni imprevisti (ma prevedibili) al camper, la mancanza di stacchi veri, quasi sempre sommersi da impegni che si accumulano. Ma va bene così, fa parte del gioco e, in fondo, ne vale la pena.
Dopo due mesi, però, mi sento di poter chiedere un po’ di aiuto alla cosidetta “community”: perché questo progetto abbia senso deve circolare il più possibile. Esiste una pagina facebook ed esiste un profilo twitter.
Sono anni che lavoro come giornalista nel web e so bene le potenzialità della viralità quando gli utenti si attivano. Quindi, se questo non accade è un chiaro segnale che il lavoro che stiamo portando avanti non interessa. Mi sbaglio? Dimostratemelo!
Ecco come:
facciamo “esplodere” la pagina facebook
– aderite alla campagna “io viaggio con Daniel per l’Italia che cambia

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ
24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

Come i progetti nati dal basso cambiano volto a un territorio: il caso di Scopri la val di Vara
Come i progetti nati dal basso cambiano volto a un territorio: il caso di Scopri la val di Vara

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico
Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo