9 Nov 2012

Secondo giro di boa!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Ed eccoci al secondo “mesiversario”. Il 9 settembre lasciavo la casa dei miei nonni, tra la Liguria e il Piemonte […]

Ed eccoci al secondo “mesiversario”. Il 9 settembre lasciavo la casa dei miei nonni, tra la Liguria e il Piemonte senza sapere esattamente a cosa sarei andato incontro. Dopo due mesi, devo dire che le mie più rosee aspettative sono state senz’altro superate. Molti incontri sono stati a dir poco entusiasmanti e le realtà che ho incontrato in Piemonte, Veneto, Lombardia, Liguria, Sardegna, Trentino, Alto Adige e ora Friuli, si sono rivelate diverse ma sempre intense e arricchenti.
rossaIl viaggio è ancora lungo e non nascondo certo le difficoltà che ogni tanto affiorano. Il freddo tagliente, le spese continue per spostarsi, i danni imprevisti (ma prevedibili) al camper, la mancanza di stacchi veri, quasi sempre sommersi da impegni che si accumulano. Ma va bene così, fa parte del gioco e, in fondo, ne vale la pena.
Dopo due mesi, però, mi sento di poter chiedere un po’ di aiuto alla cosidetta “community”: perché questo progetto abbia senso deve circolare il più possibile. Esiste una pagina facebook ed esiste un profilo twitter.
Sono anni che lavoro come giornalista nel web e so bene le potenzialità della viralità quando gli utenti si attivano. Quindi, se questo non accade è un chiaro segnale che il lavoro che stiamo portando avanti non interessa. Mi sbaglio? Dimostratemelo!
Ecco come:
facciamo “esplodere” la pagina facebook
– aderite alla campagna “io viaggio con Daniel per l’Italia che cambia

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Articoli simili
Cinque anni dopo… Un nuovo giro di boa!

Se non ti interessa questo articolo, non ti interessa l'Italia che Cambia

In viaggio, sono sempre in viaggio!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani