16 Gen 2013

Ecco l'intervista di Radio Onde Furlane! (e altri aggiornamenti)

Scritto da: Daniel Tarozzi

Venezia - Lo scorso novembre (sembrano passati secoli!) ci trovavamo in Friuli, nei pressi di Udine e abbiamo scoperto l’esistenza […]

Venezia - Lo scorso novembre (sembrano passati secoli!) ci trovavamo in Friuli, nei pressi di Udine e abbiamo scoperto l’esistenza di Radio Onde Furlane, una radio che si caratterizza per avere gran parte della sua programmazione in lingua friulana.
Sono andato ad intervistarli per capire meglio la loro identità: ho scoperto che anche in questo caso la valorizzazione della lingua e delle tradizioni locali si coniuga con un senso di appartenenza e scambio con le altre identità e culture italiane, europee e mondiali. Le differenze, quindi, che diventano ricchezza, biodiversità, anziché divisione e rottura.
Nel loro palinsesto, infatti, non trattano solo temi relaitivi al Friuli, ma danno spazio a cronaca estera, minoranze locali e diversità di ogni tipo. Esistono, ad esempio, trasmissioni nella lingua delle minoranze più presenti sul loro territorio e molto altro ancora.
Una volta terminata la mia intervista, loro hanno voluto contraccambiare intervistando me per la loro radio: abbiamo discusso (in italiano!) del giornale che dirigo, Il Cambiamento, del mio viaggio e delle peculiarità friulane. Qualche giorno fa mi hanno inviato il podcast dell’intervista che è quindi ascoltabile a questo indirizzo: L-Italia-che-cambia-Giovanni-Minut.mp3.
Io nel frattempo mi sono spostato nella provincia di Grosseto. Domani vi racconto!

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Articoli simili
Cyclolenti in Turchia: le bellezze della Cappadocia

Entrato in Calabria (e grazie a Sergio!)

Un weekend nei borghi dell’Italia che cambia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora