Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Gen 2013

Ecco l'intervista di Radio Onde Furlane! (e altri aggiornamenti)

Scritto da: Daniel Tarozzi

Lo scorso novembre (sembrano passati secoli!) ci trovavamo in Friuli, nei pressi di Udine e abbiamo scoperto l’esistenza di Radio […]

Lo scorso novembre (sembrano passati secoli!) ci trovavamo in Friuli, nei pressi di Udine e abbiamo scoperto l’esistenza di Radio Onde Furlane, una radio che si caratterizza per avere gran parte della sua programmazione in lingua friulana.
Sono andato ad intervistarli per capire meglio la loro identità: ho scoperto che anche in questo caso la valorizzazione della lingua e delle tradizioni locali si coniuga con un senso di appartenenza e scambio con le altre identità e culture italiane, europee e mondiali. Le differenze, quindi, che diventano ricchezza, biodiversità, anziché divisione e rottura.
Nel loro palinsesto, infatti, non trattano solo temi relaitivi al Friuli, ma danno spazio a cronaca estera, minoranze locali e diversità di ogni tipo. Esistono, ad esempio, trasmissioni nella lingua delle minoranze più presenti sul loro territorio e molto altro ancora.
Una volta terminata la mia intervista, loro hanno voluto contraccambiare intervistando me per la loro radio: abbiamo discusso (in italiano!) del giornale che dirigo, Il Cambiamento, del mio viaggio e delle peculiarità friulane. Qualche giorno fa mi hanno inviato il podcast dell’intervista che è quindi ascoltabile a questo indirizzo: L-Italia-che-cambia-Giovanni-Minut.mp3.
Io nel frattempo mi sono spostato nella provincia di Grosseto. Domani vi racconto!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La Cina verso la grande transizione? – Io Non Mi Rassegno #239

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno

|

Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare

|

Una rete di famiglie genovesi condivide oggetti, vestiti e buone pratiche per bimbi “a basso impatto”

|

Murales, sartoria sociale, turismo e orti urbani: così rinasce la periferia degradata di Lecce

|

Altro denaro, molto altro denaro