24 Gen 2013

Pensieri, parole e… Tv

Scritto da: Daniel Tarozzi

Oggi (24 gennaio 2013) dalle 11 alle 12 sarò in diretta tv su Rai Uno per parlare del viaggio che […]

Oggi (24 gennaio 2013) dalle 11 alle 12 sarò in diretta tv su Rai Uno per parlare del viaggio che sto facendo e confrontarmi con altri ospiti.
Non nego un po’ di emozione. Conosco la televisione avendoci lavorato ma non sono mai stato davanti alla telecamera in diretta.
Vi farò sapere. Intanto devo dire che mi ha colpito come tantissima gente si sia entusiasmata alla notizia di questa presenza sul piccolo schermo.
A quanto pare la televisione mantiene ancora un suo strano fascino. Andarci viene vissuto come fosse un merito. Qualcosa su cui a freddo voglio riflettere!
Ora scappo. Vedremo se avrò modo di esprimermi o sarò risucchiato nei meccanismi infermali dell’infotaiment. A dopo!

Articoli simili
Terradamare, la cooperativa turistica che racconta Palermo attraverso luoghi e persone
Terradamare, la cooperativa turistica che racconta Palermo attraverso luoghi e persone

Valentina e il suo viaggio in bicicletta alchemico e trasformativo: “Il mio focus è essere essenziale”
Valentina e il suo viaggio in bicicletta alchemico e trasformativo: “Il mio focus è essere essenziale”

IT.A.CA’, si avvicina l’edizione palermitana del festival del turismo responsabile
IT.A.CA’, si avvicina l’edizione palermitana del festival del turismo responsabile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento