19 Feb 2013

Partorire in casa

Scritto da: Daniel Tarozzi

Oggi voglio condividere un articolo della nostra mitica caporedattrice, Claudia Bruno. Mi piacerebbe commentare, ma credo che una donna sia […]

Oggi voglio condividere un articolo della nostra mitica caporedattrice, Claudia Bruno. Mi piacerebbe commentare, ma credo che una donna sia più adatta di me a prendere parola su questi temi, che io ritengo fondamentali. Grazie Claudia per aver espresso ancora una volta con parole sagge quello che penso.

nate libere di partorire

nate liberePoco meno di un mese fa la stampa italiana diffondeva i dati di un’indagine commissionata dal Ministero della Salute per verificare l’appropriatezza del ricorso al cesareo nei nostri ospedali. Il risultato – che il 43 per cento dei cesarei in Italia è ingiustificato – è stato definito “scioccante”. In realtà il dato è sotto gli occhi di tutte, e di tutti, da molto tempo. E ci sarebbe da scioccarsi, più che sui giornali, direttamente sul lettino, quando si assiste a quello che io chiamo “il parto del dottore”, nel senso che di solito è il medico (uomo o donna che sia) a decidere tempi, modo e posizione a seconda di quel che ha da fare, di come sta più comodo e dei soldi che prende.
CONTINUA

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Articoli simili
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #11 – “La città potrebbe uccidermi”
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #11 – “La città potrebbe uccidermi”

Ma quindi non ci hai raccontato che hai combinato in Veneto!

Una moltitudine silenziosa? E' TEMPO DI GRIDARE I VOSTRI NOMI!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini