12 Mar 2013

Marche: una regione che palpita

Scritto da: Daniel Tarozzi

Marche - Il 10 febbraio io, Elisa e Paolo siamo giunti nelle Marche sapendo di trovare una regione affascinante, ma […]

Marche - Il 10 febbraio io, Elisa e Paolo siamo giunti nelle Marche sapendo di trovare una regione affascinante, ma non sospettando che tra le sue campagne fin troppo antropizzate si nascondessero decine di esperienze di economia solidale, imprenditoria illuminata, bioregionalismo e contatto autentico con la terra.
IMG_5843
Gran parte delle persone che abbiamo incontrato si conoscevano e collaboravano tra loro. Davvero una realtà entusiasmante di cui, a mio avviso, gli stessi marchigiani non sono del tutto consapevoli. Qui sotto trovate, giorno per giorno, le gallerie dei nostri incontri. Buona visione e buon viaggio nelle Marche che palpitano!
11 febbraio – Tra Fano e Senigallia primi incontri “solidali”

12 febbraio – “Tra la terra e il cielo” (azienda bio) fino ad un “Ponte tra le culture” (Ancona)

13 febbraio – Monsano, Comune Virtuoso; Corrado Dottori e il suo vino; Fabrizio Cardinali e “la tribù delle noci sonanti”.

14 febbraio – Da “Loccioni”, imprenditore che da spazio ai giovani ai “Riciclato Circo Musicale” finendo con Katya e il centro operativo della Res Marche di Ancona.

15 febbraioUna giornata “fuori tema”, nella casa della fisarmonica. Prima e dopo incontri che lasciano il segno: Piero Manzotti, di Tea Natura e Roberto Mosca di Spring Color.

16 febbraio – Roberto Bracci, Andrea Spurio, il biochar, i forni solari e tanta splendida compagnia. Poi tutti da Felice Colaci, creatore del Seminasogni.

17 febbraio – Ultimi, ma non ultimi Andrea Gianni di Arcipelago Scec, Roberto e Monica, Olimpia dei comitati per la difesa del territorio e Paolo Merlini, esperto di vie traverse, ma soprattutto grande amico.

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Ecotono collettivo endemico: “Le esperienze in natura in compagnia sono ancora più belle”
Ecotono collettivo endemico: “Le esperienze in natura in compagnia sono ancora più belle”

Max e il suo bed and breakfast Döit, dove l’accessibilità è sinonimo di inclusione
Max e il suo bed and breakfast Döit, dove l’accessibilità è sinonimo di inclusione

Elisabetta, blogger di viaggio: “Dopo aver girato il mondo da sola ho deciso di concentrarmi sul turismo lento”
Elisabetta, blogger di viaggio: “Dopo aver girato il mondo da sola ho deciso di concentrarmi sul turismo lento”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Manovre a confronto: in Spagna si tassano le banche – #628

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

|

Abbiamo ribaltato l’Italia!

|

Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6

|

Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere

|

Sopravvivere alla crisi della democrazia (e creare alternative) – A tu per tu + #1