4 Mar 2014

15 anni di Banca Etica: risorse concrete per l’economia sociale e le famiglie

Scritto da: Redazione

Un miliardo e 800milioni euro di messi in circolazione per finanziare migliaia di famiglie e imprese sociali italiane che hanno […]

Un miliardo e 800milioni euro di messi in circolazione per finanziare migliaia di famiglie e imprese sociali italiane che hanno potuto far crescere in quantità e qualità i servizi di assistenza per le persone più fragili; promuovere l’arte, la cultura e lo sport come strumenti per migliorare la qualità di vita di tutti; difendere la legalità; ridurre le emissioni di CO2 a salvaguardia dell’ambiente e della salute; diffondere il biologico; rilanciare progetti di cooperazione internazionale e commercio equo e solidale.

 

banca_etica

 

E’ questo il risultato con cui Banca popolare Etica festeggia il compimento dei suoi primi 15 anni di vita. Nata nel 1999 a Padova su impulso delle principali reti del Terzo Settore italiano, è cresciuta costantemente grazie alla fiducia accordatale da cittadini e organizzazioni che sono diventati soci e clienti del primo istituto di credito italiano interamente dedito alla finanza etica.

 

Tutti i numeri di questa storia di successo sono stati illustrati oggi a Roma, presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati, durante la presentazione della ricerca sull’impatto sociale di Banca Etica condotta dal centro studi ALTIS dell’Università Cattolica di Milano. Il lavoro, coordinato dal Prof. Mario Molteni, è stato condotto dalle ricercatrici Stella Gubelli ,Valentina Langella, Valentina Bramanti.

 

“Quindici anni fa in pochi credevano che una banca etica potesse stare sul mercato, oggi abbiamo dimostrato che la finanza etica funziona ed è capace di veicolare una risorsa strategica come il risparmio di cittadini e organizzazioni verso la promozione del bene comune. Oggi non solo siamo una banca solida, ma anche in continuo sviluppo e nel 2014 apriremo la prima Filiale in Spagna, a Bilbao” – ha detto Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica, collegandosi da Melbourne dove sta partecipando all’incontro annuale del network internazionale delle banche sostenibili, Global Alliance for Banking on Values.

 

“Dal 2008 a oggi le banche hanno vissuto un periodo di particolare turbolenza: allo stesso tempo co-responsabili e vittime di una crisi finanziaria ed economica strutturale e duratura, hanno fatto fatica a fronteggiare il calo di fiducia da parte dei risparmiatori e le crescenti difficoltà dell’economia reale. Banca Etica negli stessi anni ha invece sperimentato un costante aumento della fiducia accordatale dai risparmiatori e dai soci: la raccolta di risparmio e il capitale sociale sono cresciuti in modo significativo dal 2008 a oggi (+60% per la raccolta negli ultimi 5 anni; +109% per il capitale in 5 anni) , permettendoci di essere una delle poche banche che ha continuato a concedere credito alle famiglie e alle imprese sociali (+83% di crediti deliberati negli stessi 5 anni) , con un tasso di sofferenza nettamente inferiore alla media del sistema bancario”, ha aggiunto Mario Crosta, direttore generale di Banca Etica, auspicando una maggiore attenzione da parte dei regolatori in Italia e in Europa verso i temi finanziari, affinché rivedano le norme che penalizzano chi dà credito alle imprese sociali e promuovano le banche che si occupano di dare credito all’economia reale, separandole dalle banche d’affari.

 

“Misurare l’impatto sociale significa misurare il cambiamento generato nelle organizzazioni e famiglie beneficiarie grazie al finanziamento e alla collaborazione con Banca Etica. Il lavoro sperimentale, che ha coinvolto gli stakeholder principali della banca – famiglie e organizzazioni – è giunto a risultati originali nel panorama sia italiano che internazionale.

Dallo studio emerge che utilizzare la finanza come strumento per veicolare il risparmio di privati e organizzazioni verso il sostegno a progetti di pubblica utilità genera impatti positivi sulla collettività. In particolare, tre sono le aree di investimento in cui l’ impatto legato al finanziamento erogato da Banca Etica è particolarmente significativo:  i servizi socio-sanitari, i servizi di promozione di attività culturali, ricreative e sportive e le iniziative ambientali. Ambiti che influenzano in modo concreto la qualità della vita delle persone”, hanno spiegato le ricercatrici di ALTIS.
iStock_000013983391XSmall

L’impatto sociale di Banca Etica nei suoi primi 15 anni in cifre

In 15 anni Banca Etica ha:
– erogato complessivamente 23.804 finanziamenti a famiglie e imprese sociali;
– per un totale di € 1,8 miliardi;
– il 70% dei finanziamenti deliberati da Banca Etica sono andati ad enti non profit (contro l’1% della media del sistema bancario italiano). Negli ultimi Banca Etica ha progressivamente inserito anche alcune imprese del profit responsabile tra i soggetti finanziati.
– i tassi di interesse praticati da Banca Etica sui prestiti alla clientela (famiglie, enti non profit, imprese sociali) sono mediamente più bassi rispetto al resto del sistema bancario
– Banca Etica ha registrato una costante crescita di fiducia da parte dei risparmiatori: nel 2013 la raccolta diretta è cresciuta dell’11% mentre per le altre banche si è registrata una contrazione complessiva del -1,9%
– Banca registra un tasso si sofferenze nettamente inferiore rispetto alla media del sistema bancario. A fine 2013 le sofferenze erano per Banca Etica il 2,02% contro il 7,7% della media del sistema bancario.

 

Le organizzazioni e le imprese che hanno ricevuto un finanziamento da Banca Etica in questi 15 anni hanno ricevuto da parte di ALTIS un questionario, dal quale è emerso che:

  • il 63% dei soggetti finanziati ritiene che la collaborazione con Banca Etica abbia aumentato le proprie possibilità di fare rete. La rete come sistema capace di rafforzare e amplificare l’azione delle tante piccole eccellenze italiane nel campo dell’economia civile è uno dei fattori che maggiormente caratterizza la visione economica di Banca Etica.
    – Il 62% afferma che la collaborazione con Banca Etica ha permesso di valorizzare le capacità dei propri collaboratori
    – per il 52% rivolgersi a Banca Etica ha permesso di creare nuovi posti di lavoro
    – per il 51% il finanziamento di Banca Etica ha permesso di aumentare il reddito
    – il 44% dei clienti finanziati ritiene di aver conseguito un risparmio economico rivolgendosi a Banca Etica.
    – Per l’82% il finanziamento ottenuto da Banca Etica è stato “condizione necessaria” per svolgere l’attività.
    – Il 47% dei clienti ha ottenuto il finanziamento da Banca Etica dopo che una o più banche avevano rifiutato di concederlo.
    – I finanziamenti concessi da Banca Etica per l’installazione di impianti per le energie da fonti rinnovabili hanno permesso di evitare – ogni anno – l’emissione di oltre 25mila tonnellate di CO2, con un risparmio per la collettività quantificabile in 410mila euro l’anno.

 

Per leggere la versione integrale e l’abstract della ricerca visita clicca qui

Banca Etica

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Donne e finanza: Banca Etica racconta l’economia al femminile
Donne e finanza: Banca Etica racconta l’economia al femminile

Un’ondata di greenwashing sta inquinando il mercato della finanza “sostenibile”
Un’ondata di greenwashing sta inquinando il mercato della finanza “sostenibile”

Banca Etica entra nell’azionariato di SardexPay con un investimento di 250mila euro
Banca Etica entra nell’azionariato di SardexPay con un investimento di 250mila euro

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza