26 Mag 2014

Senegal: la campagna di ActionAid contro il “furto della terra”

Scritto da: Matteo Marini

“Immagina che domani il parco dove vai sempre a correre o a leggere, quello dove porti il tuo cane o […]

“Immagina che domani il parco dove vai sempre a correre o a leggere, quello dove porti il tuo cane o i tuoi bambini a giocare, ti venisse tolto. A te e a tutti gli altri cittadini. Non lo rivorreste indietro?”. Con questa provocazione ActionAid ha lanciato pochi giorni fa la campagna  per mettere fine al landgrabbing (letteralmente “accaparramento della terra”).

Senegal
Il fenomeno, portato avanti sia da governi che da soggetti privati, colpisce migliaia di persone in tutto il mondo, in alcuni casi impoverendo comunità rurali che già di per sé patiscono la fame.

“Come reagirebbero gli Italiani se il Parlamento approvasse una legge per privatizzare aree verdi pubbliche come Colle Oppio, Villa Borghese, Circo Massimo a Roma, Parco Sempione a Milano o i Giardini dell’Orticoltura a Firenze? Per fortuna in Italia ciò non accade”, continua ActionAid.
Una situazione però critica si sta verificando in Senegal, nella regione di Ndiaël, dove oltre 9mila persone – divise in 37 villaggi – stanno per essere ridotte ulteriormente in povertà da un progetto di una società italiana: la Senhuile SA, una joint venture di proprietà del gruppo finanziario italiano Tampieri, che possiede il 51% della società, e di Senéthanol SA che possiede il rimanente 49%.

 

Attraverso una concessione governativa, la Tamperi sottrarrà – per attuare un investimento agricolo privato – circa ventimila ettari di terra ad una popolazione che vive principalmente di pastorizia, allevamento e agricoltura. Così facendo, è logico dedurre, si ridurrà a zero ogni possibilità di sussistenza della comunità.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

La maggior parte di questi processi, inoltre, avvengono senza l’informazione e il consenso delle persone che vivono in quei territori.
Ne “il grande furto della terra” ActionAid presenta alcuni casi studio che mostrano come gli accaparramenti di terra in Cambogia, Sierra Leone, India e Senegal stiano causando trasferimenti forzati, violazioni dei diritti umani perdita di mezzi di sussistenza, crescente insicurezza alimentare.

 

Anche l’Italia partecipa alla pratica del landgrabbing con investimenti considerevoli soprattutto nell’Africa Sub-Sahariana. Uno di questi è, per l’appunto, quello del gruppo Tampieri.

 

Gli abitanti di quella regione stanno tentando di opporsi a questo progetto che va contro la loro sopravvivenza ma, come constata amaramente ActionAid: “la loro voce da sola non basta. Uniamoci a loro. Fermare il progetto della Tampieri attraverso la sua controllata Senhuile SA si può”.

 

La domanda a questo punto è: come? Firmando la petizione  che la Onlus ha pubblicato online. Sono già oltre 25mila le voci che si sono unite a quelle degli abitanti di Ndiaël. Vale la pena far sentire anche la nostra?

 

 

 
Per saperne di più leggi:

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Il suolo è vita: ecco come rigenerarlo e coltivare cibo sano e nutriente
Il suolo è vita: ecco come rigenerarlo e coltivare cibo sano e nutriente

Giorgia: “Produco vini per sentirmi vicina alla terra”
Giorgia: “Produco vini per sentirmi vicina alla terra”

#7 – Ca’ Mariuccia, Agricoltura Etica alle porte di Torino
#7 – Ca’ Mariuccia, Agricoltura Etica alle porte di Torino

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tutta Europa a rischio black-out – #421

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini

|

Piantare una food forest per seminare il futuro di una comunità

|

2021 anno boom del turismo a piedi: ecco l’identikit del camminatore tipo

|

Un mercato contadino biologico diventa un’agorà per fare “agricultura” in città

|

La storia di cinque “Donne di Terra” che hanno deciso di cambiare vita nel Sud Italia

|

Irene Borgna e i suoi cieli neri: “L’inquinamento luminoso ci ha rubato le notti”