16 Set 2014

Festambiente Mondi Possibili: al via la terza edizione del festival

Scritto da: Legambiente

Al via la terza edizione di Festambiente Mondi Possibili : i volontari adottano il parco Monte Sacro per un anno […]

Al via la terza edizione di Festambiente Mondi Possibili : i volontari adottano il parco Monte Sacro per un anno e lanciano l’iniziativa #nelparcochevorrei per la riqualificazione partecipativa dell’area verde. Il percorso per l’adozione del Parco Simon Bolivar è al centro della terza edizione di Festambiente Mondi Possibili, dal 19 al 28 settembre a Roma. Dieci giorni dedicati alla gestione condivisa del bene comune.

 10599178_602661273188871_8608463101747211380_n

 

Organizzata da Legambiente Mondi Possibili e dall’A.P.S. Tavola Rotonda, la manifestazione patrocinata da Roma Capitale Municipio III, sarà incentrata anche quest’anno sulle tematiche della condivisione e della costruzione di reti territoriali grazie a musica, teatro, incontri, laboratori, degustazioni, cinema e arte.

Il Festival aprirà venerdì 19 settembre alle ore 18.30 al Parco Bolivar (Via Monte Serrone) con una passeggiata inaugurale e conversazione su “La sana e robusta adozione” insieme a: Rossella Muroni (direttrice generale Legambiente Onlus), Paolo Masini (Assessore ai Lavori Pubblici e alle Periferie di Roma Capitale),l’Ambasciatore del Venezuela in Italia, Paolo Marchionne (presidente Municipio III) Roberto Scacchi (Presidente Legambiente Lazio),  e Gianna Le Donne (vicepresidente Municipio III).

Come in un (CO)rtile ideale Festambiente Mondi Possibili aprirà il parco per ospitare e presentare attività educative e culturali, eventi, incontri e iniziative proposte da chi vive il territorio. Con la particella CO si intende rappresentare tutto quello che riguarda condivisione, collaborazione e co-creazione, pratiche partecipative svolte da singoli per il bene comune.

 

10606517_608729039248761_6448000066970868066_nPunto privilegiato di osservazione è il quartiere, inteso come luogo di incontro e aggregazione capace di divenire, grazie alla partecipazione, un polo del cambiamento durevole nel quale le competenze di ognuno possono portare alla creazione di sinergie capaci di invertire le tendenze e convincere nuovamente le persone a frequentare i luoghi della socializzazione primaria. Un’area verde aperta ogni giorno e destinata a famiglie, scuole, associazioni e cittadini.

 

L’evento, inserito tra le ecofeste che Legambiente realizza in tutta Italia, è la prima tappa di un percorso dedicato all’adozione dell’area verde situata sul Monte Sacro che, a partire da ottobre, sarà riqualificata dai volontari di comitati ed enti del territorio. Grazie all’hashtag#nelparcochevorrei sarà possibile raccogliere, nei dieci giorni dell’evento, i suggerimenti per una gestione condivisa del parco per cui è stata attivata una raccolta fondi speciale attraverso Kapipal.

 

“Mai come in questo periodo storico abbiamo bisogno che le persone tornino ad occuparsi del bene comune e occorre fare uno sforzo condiviso. Le realtà che si occupano di tematiche ambientali, sociali e culturali devono collaborare per affrontare i temi del Lavoro, della Bellezza e del Futuro.

 

Festambiente Mondi Possibili ne è una piccola testimonianza” dichiara Lorenzo Barucca, presidente dell’A.P.S. Tavola Rotonda“uno spazio vuoto è uno spazio perso. Da qui parte anche una richiesta alle istituzioni affinchè si impegnino per favorire questi processi partecipativi,  non solo attraverso finanziamenti – che sappiamo essere assenti – ma semplificando gli iter burocratici spesso complicati e onerosi che limitano la possibilità a queste energie di palesarsi”.

 

La ristorazione dell’evento è affidata a Pastella, friggitoria romana sapientemente gestita da uno staff di giovani del territorio. La proposta, grazie alla quale lo street food incontra il favore dei più esigenti palati gourmet, proporrà prodotti a filiera corta e preparazioni rispettose della stagionalità.

 

Ad affiancare Pastella le proposte di D-gusto, stazione di esperienze multisensoriali di Festambiente che, olte a degustazioni e workshop enoculinari proporrà percorsi e prodotti legati alle eccellenze del Lazio e d’Italia.

L’evento è reso possibile grazie a tutte quelle realtà che a ogni livello si attivano per “una sana e robusta adozione” degli spazi pubblici: Legambiente Lazio, Legambiente Aniene, Libera, DaSud, Insieme per l’Aniene, RomAltruista, Terre Vivaci, Federtrek giovani, Parsec Flor, Insieme per Fare, Psy+, Wink, A Ruota Libera Onlus, Come un Albero Onlus, OfficinaBici Possibilmente, Greenpeace Roma,  Rebike, Reverie, Urban Experience, Retake, Centro di Cultura Ecologica, Comitato Attivamontesacro, Comitato Sacco Pastore.

 

Il sito di Festambiente 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Sosteniamo il Parco del Ciapà di Cervo, luogo di incontro e condivisione in natura
Sosteniamo il Parco del Ciapà di Cervo, luogo di incontro e condivisione in natura

Al via Avviciniamoci, il progetto di Ficos e Galline Felici per produrre cultura ambientale ed etica
Al via Avviciniamoci, il progetto di Ficos e Galline Felici per produrre cultura ambientale ed etica

I mozziconi gettati a terra che finiscono in mare: quando l’inciviltà “senza filtro” danneggia salute e ambiente
I mozziconi gettati a terra che finiscono in mare: quando l’inciviltà “senza filtro” danneggia salute e ambiente

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Manovre a confronto: in Spagna si tassano le banche – #628

|

Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

|

Parlami dentro. Anche una lettera può alleviare la solitudine di chi è detenuto

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

|

Abbiamo ribaltato l’Italia!

|

Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6