3 Ott 2014

Pla Chic, trasformare i sacchetti di plastica in accessori di moda

Scritto da: Redazione

“La natura sbaglia raramente e l’abitudine spesso”. Da qui parte la mia ricerca artistica, dalla consapevolezza cioè dell’obbligo e del […]

“La natura sbaglia raramente e l’abitudine spesso”. Da qui parte la mia ricerca artistica, dalla consapevolezza cioè dell’obbligo e del debito del singolo nei confronti della natura, generatrice di ogni benessere. Dietro i miei lavori quindi un’etica della responsabilità espressa con il riciclo della materia, mezzo per una sostenibilità ambientale, ma anche economica.

 

 

10685441_616496278462579_4793495957683380441_n

 

L’esigenza quasi fisica di lavoro manuale muove pure dalla compiacenza del “ saper far da sé ”, dall’occasione di esser artefice e creatrice di forme continuamente nuove. Da sempre affascinata dalla potenzialità di mutazione insita nella materia, dalla sua capacità di cambio di destinazione usuale, la mia ricerca volge all’indagine delle sue infinite applicazioni per approdare infine a quella plastica.

 

10543610_579292898849584_6086772213559174852_n

I pezzi sono unici e originali. Anche la pelle è di recupero, perciò disponibile fino ad esaurimento scorte


 

Sfruttando indistruttibilità e resistenza, pregi e difetti, ho ricercato un mezzo che mi permettesse di trasformare in oggetti utili ed esteticamente validi un materiale difficilmente deperibile in natura, quale è la plastica. I prodotti così realizzati consentono un riciclo di materiale altrimenti altamente inquinante ma, al contempo, carico di potenziale sia nella resa estetica che nella robustezza del prodotto finito. Altra caratteristica fondamentale è la leggerezza del manufatto che si coniuga ad una notevole resistenza.

 

Sara Mastromatteo

 

La pagina Facebook di Pla Chic 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”

Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica
Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica

Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido
Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”