2 Dic 2014

La rivincita della bellezza: abbattuto l'ecomostro di Alimuri

Scritto da: Redazione

Dopo 50 anni dal blocco dei lavori ed una battaglia giudiziaria non ancora terminata, è stato finalmente abbattuto l’ecomostro di […]

Dopo 50 anni dal blocco dei lavori ed una battaglia giudiziaria non ancora terminata, è stato finalmente abbattuto l’ecomostro di Alimuri, rudere di un maxi albergo abusivo mai completato sulla costa di Meta di Sorrento, un’area di alto valore paesaggistico. La demolizione è avvenuta domenica 30 novembre con 1.200 microcariche esplosive.

 

alimuri__vico_equenze__na__9742

 

“Una gran bella giornata, la rivincita della bellezza sull’arroganza del cemento. Dalle macerie dell’ecomostro di Alimuri arriva chiaro il messaggio: mai più condoni, mai più abusivismo, mai più regali all’ecomafie. Ora è necessario mettere in sicurezza il costone e vigileremo perché quel tratto di costa liberato torni al suo stato naturale e ritorni definitivamente alla fruizione dei cittadini.

 

“L’abbattimento di Alimuri deve servire anche e soprattutto come monito per amministratori, governo e Regione Campania perché l’abusivismo non paga più e per dire definitivamente basta ai condoni e tentativi in sede legislativa di salvare le case abusive”. Così in una nota Rossella Muroni e Michele Buomomo, rispettivamente direttrice nazionale e presidente regionale di Legambiente, commentano l’abbattimento dell’ecomostro di Alimuri in Penisola sorrentina.

 

 

“La demolizione di uno degli ecomostri più noti in Italia, in uno dei luoghi più belli della Campania – continua Rossella Muroni – rappresenta una pagina importante per la tutela dell’ambiente e contro l’abusivismo edilizio. L’abbattimento dello scempio in penisola sorrentina deve essere d’esempio e stimolo per nuove demolizioni affinché amministratori e cittadini si ricordino che quella spiaggia libera e quello scoglio da cui ci si può di nuovo affacciare sono stati a lungo ‘rubati’ e oggi riconquistati e riconsegnati al Paese”.

 

L’abbattimento di Alimuri arriva dopo 14 anni dal primo blitz targato Goletta Verde di Legambiente e a distanza di oltre un anno dall’abbattimento dell’ultimo ecomostro gli scheletri di cemento armato di Montecorice nel Cilento avvenuto nel luglio del 2013.

 

 

Articoli simili
"Caro Ministro, l'inquinamento ci sta uccidendo!"

Un'oasi per conoscere la natura

Ilva: a Taranto livelli preoccupanti di diossina

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie, relazioni, sesso: ne abbiamo parlato insieme

|

Refugees Welcome: storia di una famiglia e di un giovane che ha ritrovato la speranza

|

In bici da Torino a Milano: la carovana di Extinction Rebellion verso la preCOP26

|

IT.A.CÀ sbarca in Ogliastra per raccontare una delle provincie meno inquinate d’Europa

|

“Facciamo girare l’olio”: economia circolare a sostegno delle donne vittime di violenza

|

Famiglie, relazioni, sesso: cosa succede in Italia

|

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?