17 Mar 2015

Violenza domestica: centri a rischio chiusura

Scritto da: Redazione

In Italia i costi diretti e indiretti della violenza domestica sulle donne ammontano a circa quattordici miliardi l’anno. Un dato […]

In Italia i costi diretti e indiretti della violenza domestica sulle donne ammontano a circa quattordici miliardi l’anno. Un dato così esteso da coinvolgere la vittima, il suo nucleo familiare e la sua comunità impedendone il normale funzionamento. Eppure si investe poco o pochissimo in prevenzione. E oggi sei centri antiviolenza sono a rischio chiusura.

 

 

 

Dopo un lungo periodo di analisi, ricerca e raccolta di storie e testimonianze, la cooperativa romana Be Free, da sempre al fianco delle donne vittime di violenza, si è accorta che uno dei luoghi cruciali dove intercettare e sostenere le donne erano i pronti soccorsi. Per questo Be Free dal 2009 opera all’interno dell’ospedale San Camillo Forlanini di Roma, attraverso uno sportello aperto 24 ore su 24 che accoglie le donne che si sono rivolte al pronto soccorso.

 

Stay away

 

“Molte donne che arrivano al pronto soccorso non vogliono denunciare la violenza subita” spiega Oria Gargano, presidente di Be Free “e non siamo certo noi a dire loro di denunciare il proprio violentatore, ma gli facciamo presente che esiste un servizio all’interno dell’ospedale per le donne vittime di violenza, e questo è già di per sé terapeutico e rasserenante”. In sei anni di lavoro Be Free ha affiancato circa duemila donne, cifra importante ma che non convince le istituzioni a finanziare lo sportello.

 

Oggi il servizio ancora esiste grazie a una fondazione privata, la We world, che sosterrà il progetto sino a luglio 2015, nessuna certezza per il dopo. Come lo sportello h24 del San Camillo, così altri cinque centri antiviolenza del sud Italia sono a rischio chiusura. In questi giorni una carovana dell’associazione Pangea è in visita alle cinque città che ospitano questi centri per chiedere che non siano chiusi e raccogliere fondi da destinargli.

 

Visualizza la cooperativa Be Free nella Mappa dell’Italia che Cambia 

 

Articoli simili
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

Donne e finanza: Banca Etica racconta l’economia al femminile
Donne e finanza: Banca Etica racconta l’economia al femminile

Spazio Lib(e)ro, i detenuti di un carcere siciliano evadono grazie ai libri
Spazio Lib(e)ro, i detenuti di un carcere siciliano evadono grazie ai libri

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente