9 Set 2015

Quattro giorni di Permacultura a Bolsena

Scritto da: Annalisa Jannone

Bolsena è bellissima, incantevole: il lago, il castello, le piazzette, l’accoglienza. Io mi sono divertita parecchio. Grazie a Luca Puri, […]

Bolsena è bellissima, incantevole: il lago, il castello, le piazzette, l’accoglienza. Io mi sono divertita parecchio. Grazie a Luca Puri, organizzatore della seconda edizione del Festival di Permacultura , che si è tenuto dal 3 al 6 settembre nello splendido borgo medievale in provincia di Viterbo.

 

11990525_1616680691916204_6102574443990081743_n

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Cura degli altri, cura della terra e condivisione delle risorse. I tre principi della Permacultura hanno aleggiato ovunque nel corso di questa quattro giorni in cui ho avuto modo di trovare molta umanità sorridente e consapevole. Ogni progetto presentato ha allargato il cuore: fiducia, non siamo in pochi.

Progetti di vita, personali e sociali naturalmente intrecciati a quelli del luogo, anche diffuso, in cui sperimentare la propria esistenza. Osservare le energie a disposizione, diffonderle su tutto il nostro sistema, abbattere lo spreco e accumulare l’energia nelle diverse forme, come fa la natura. Disegnare e progettare per capire la forma, il design utile dove l’armonia, la spontaneità della natura produce abbondanza con il minor lavoro possibile. Poi l’azione per capire i feedback, le modifiche che portano a dinamiche, anche interiori, di cambiamento. La resilienza. Cambiare il proprio punto di vista per evolvere.

 

Come dice Saviana Parodi , “la Permacultura è cultura umana”.

 

11215160_1616322951951978_847359136253291747_n

 

Il festival ha rappresentato un’occasione di incontro per molte realtà ed esperienze: dal Movimento della Transition ai gruppi di mutuo aiuto come quello raccontato dagli amici siciliani , dall’agricoltura organica rigenerativa all’alimentazione sostenibile, dalle autoproduzioni all’esperienza di riabilitazione psicofisica attraverso la comicità. Ho partecipato al workshop di Leonardo Spina , che ha spaziato dal teatro di eccellenza con Dario Fo alla clown-terapia nei reparti di ospedale. Un’emozionante e illuminante sintesi tra l’essere contadini (colonus/clown) e l’accoglienza del disagio/dolore attraverso la comicità. Il riso, energia vitale di guarigione, permette infatti di abbattere le barriere interiori ataviche e delle proprie maschere.

 

In questa edizione del Festival è stata promossa e molto discussa la permacultura sociale. In molti incontri è emersa una necessità: focalizzare l’attenzione sulle relazioni all’interno della società sembra essere un passo necessario alla progettazione della comunità per evitare i fallimenti dei gruppi.

 

CicLotto, la giostra a pedali

CicLotto, la giostra a pedali


Ne ha parlato anche Massimo Candela, attuale presidente dell’Accademia di Permacultura, attraverso un bel parallelismo tra le dinamiche osservabili in natura e i sistemi sociali: solo un sistema progettato per essere permanente può ambire a creare equità e a durare, al contrario consumare le risorse porta alla fine di una civiltà.

 

Gli elementi del sistema devono essere tanti, diversi e in relazione utile tra loro (uno dei 12 principi di permacultura afferma che ogni organismo o azione deve, o dovrebbe, avere almeno 3 funzioni come in natura). Nel design di un progetto ogni elemento è in quel posto: posizionamento relativo (in relazione ad altri elementi) per limitare i consumi entropici, le perdite. La perdita è lo spreco e genera rifiuto. L’uomo può scegliere, imitando la natura, di accelerare la successione nel tempo degli eventi imparando a stoccare l’energia a disposizione (umana, emozionale, attitudinale, sociale, solare, termica, idrica, i margini, etc) per poi condividere la ricchezza creata. Solo se gli elementi sono in relazione utile il processo va verso la vita (che è antientropica) e non verso il caos.

 

11949295_1617779938472946_8706098580508092864_n

 

Qui inizia dunque la sperimentazione sociale: quanta complessità il nostro sistema (privato o allargato) è in grado di acquisire? Quali strumenti adottare per gestire consapevolmente i conflitti? Oltre agli accordi chiari e agiti concretamente, agli strumenti di facilitazione per le diverse strutture sociali, al processo di delega se il sistema è maturo? Agire, fare, esserci, osservare, creare, verificare, trasformare e trasformarsi. Alla base, la responsabilità individuale.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Sono aperte le iscrizioni al corso annuale di Permacultura Personale e Sociale
Sono aperte le iscrizioni al corso annuale di Permacultura Personale e Sociale

Giunto in Sardegna! (tra la plenaria di permacultura e le travolgenti emozioni)

Bill Mollison e la permacultura in Italia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Giornalista, un mestiere pericoloso – #523

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico

|

Quanto conta la salute? La storia di BB ce lo insegna

|

La morte di Shireen e un conflitto che sembra un labirinto senza vie d’uscita

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale