28 Set 2015

Viaggio nella Valle Chiusa

Scritto da: Daniela Bartolini

Con l'Ecomuseo del Casentino in "Viaggio nella Valle Chiusa" alla scoperta dei tesori e del paesaggio del Casentino. Proposte didattiche dedicate alle scuole per conoscere la storia e le storie del territorio, antichi mestieri, arte, saperi e sapori.

Con l’inizio dell’attività scolastica tornano le proposte didattiche dell’Ecomuseo del Casentino.
Proposte per conoscere i musei e gli ecomusei del Casentino, la storia e le storie del territorio, antichi mestieri, arte, saperi e sapori attraverso visite guidate, laboratori didattici, escursioni, giochi e testimonianze dirette.

Un progetto centrale per l’Ecomuseo, attraverso il quale coinvolgere le giovani generazioni, accompagnarle alla scoperta di paesaggi, luoghi, persone che raccontano e vivono il territorio. Per questo nelle antenne tematiche sono presenti soggetti competenti in grado di accogliere adeguatamente i visitatori e trasmettere loro, attraverso anche la propria testimonianza di vita, le informazioni specifiche, ma anche memorie sugli argomenti trattati. E’ un momento importante di trasmissione sia per i giovani che si trovano ad ascoltare un racconto “vivo” e a fare un’esperienza pratica, come in molti dei laboratori proposti, sia per chi narra e condivide la propria storia e il proprio sapere. Un’occasione di confronto intergenerazionale e interculturale mediato dagli operatori.

Viaggio nella Valle Chiusa è il nome che questo progetto “alla scoperta dei tesori e del paesaggio del Casentino” ha preso dalla sua nascita nel 2006, prendendo spunto da una frase coniata dalle due viaggiatrici inglesi Ella e Dora Noyes nel secolo scorso nel descrivere questa valle. Il progetto si rivolge a tutte le scuole (infanzia, primaria e secondaria di primo grado), principalmente della Provincia di Arezzo, proponendo un’ampia scelta di possibilità per approfondire le peculiarità storiche, culturali, tradizionali del Casentino.
Un progetto di successo, nato grazie alla collaborazione tra l’Unione dei Comuni Montani del Casentino, Servizio CRED-Ecomuseo e l’ufficio Scolastico Provinciale di Arezzo, che ogni anno riscuote molte adesioni, nell’a.s. 2014/2015 sono state oltre 50 le classi partecipanti, coinvolgendo più di 1200 bambini.

La didattica è per l’Ecomuseo un punto centrale che porta avanti anche con eventi durante tutto l’anno, offrendo consulenza e supporto alle scuole e attraverso la creazione di pubblicazioni e materiali come i “quaderni didattici”, scaricabili gratuitamente, che forniscono approfondimenti di carattere divulgativo su specifiche tematiche e suggeriscono percorsi ed attività didattico-educative da fare in classe.

Tra le novità di quest’anno il progetto sperimentale “A scuola nell’Ecomuseo”, al momento circoscritto all’Alto Casentino ma estendibile a tutte le antenne. Si tratta di pensare agli spazi dei musei e degli ecomusei come ad una classe decentrata in cui più volte durante l’anno trasferire la didattica quotidiana per approfondire e sviluppare una specifica tematica. Il progetto partirà quest’anno a Stia dove sono presenti più di una realtà del sistema Ecomuseo e dove l’accessibilità è più semplice, con l’idea di sperimentare questo modello e accogliere l’interesse di altre scuole del Casentino.

Le proposte di “Viaggio nella Valle chiusa” sono articolate anche quest’anno in quattro macro-tematicheTutti i colori del Casentino! Percorso trasversale che offre attraverso il colore una chiave conoscitiva insolita; La storia da vivo, per conoscere la storia attraverso le testimonianze presenti nel territorio; Il gioco delle mani che propone laboratori ludico-manipolativi per imparare facendo; A scuola di sostenibilita’ che offre esperienze per un futuro sostenibile, dalle energie rinnovabili, all’educazione al consumo consapevole, all’agricoltura biologica e all’uso corretto delle risorse.

“Viaggio nella Valle chiusa” si integra anche con la più ampia offerta didattico-educativa nell’ambito del progetto “Musei ed Ecomusei del Casentino” in cui sono coinvolti il Museo dell’Arte della lana di Stia, il Museo Archeologico del Casentino di Bibbiena e il Planetario del Parco Nazionale di Stia.

Una nuova proposta didattico-educativa, sviluppata insieme al Comune di Ortignano Raggiolo,a La Brigata di Raggiolo e alla Coop Oros, è invece dedicata ai paesaggi e sapori della castagna nel suggestivo scenario di uno dei borghi piu’ belli d’italia: Raggiolo.
In questo caso sarà possibile usufruire di un particolare abbattimento, sul costo del trasporto, per le prime classi che si prenoteranno e che sceglieranno di raggiungere la località servendosi della soluzione treno e bus navetta combinato.

Maggiori informazioni qui.

Articoli simili
Remescio creativo: una nuova educazione su sostenibilità ambientale, recupero e rigenerazione
Remescio creativo: una nuova educazione su sostenibilità ambientale, recupero e rigenerazione

Da rifiuti a colorate cucce per cani: l’idea di Chiara, che recupera vecchi pneumatici abbandonati
Da rifiuti a colorate cucce per cani: l’idea di Chiara, che recupera vecchi pneumatici abbandonati

Lofoio e la sfida di Beppe, che parla di economia circolare attraverso il teatro e l’artigianato
Lofoio e la sfida di Beppe, che parla di economia circolare attraverso il teatro e l’artigianato

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Decreto risparmi, tetto al prezzo del gas e taglio al greggio – #595

|

We Make Market, una piattaforma per supportare i piccoli artigiani e i loro saperi

|

Patataplà, la compagnia teatrale immaginaria dell’artista contadina che è andata a vivere in un borgo

|

Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore

|

Dalle separazioni agli stereotipi di genere, ecco il racconto di chi cerca di costruire una nuova genitorialità

|

La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia

|

Fiori Florensi, il progetto di educazione in natura che valorizza talenti ed emozioni

|

La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto