29 Ott 2015

Messina senz'acqua. L'Italia si mobiliti!

È possibile che una città italiana di 250 mila abitanti rimanga senz'acqua per giorni? Se lo chiedono – indignati, esasperati, rassegnati– i cittadini di Messina, da sei giorni senz'acqua a causa di un guasto nella condotta di Fiumefreddo di Sicilia avvenuto a causa di una frana verificatasi sabato scorso a Calatabiano (Catania).

messina_sightseeingÈ possibile che una città italiana di 250 mila abitanti rimanga senz’acqua per giorni? Se lo chiedono – indignati, esasperati, rassegnati– i cittadini di Messina, da sei giorni senz’acqua a causa di un guasto nella condotta di Fiumefreddo di Sicilia avvenuto a causa di una frana verificatasi sabato scorso a Calatabiano (Catania).

 

Secondo i vertici dell’Anam, che gestisce la rete idrica, passeranno altri sei giorni prima che il guasto venga riparato. Ieri infatti si sono verificati nuovi problemi con altri smottamenti vicino la condotta danneggiata che hanno fermato i tecnici perché è stata nuovamente ricoperta dal fango. Si tratta di un’emergenza idrica senza precedenti. Anche oggi a Messina sono chiuse scuole, Università ed uffici pubblici per evitare problemi igienico sanitari.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Nella città dello Stretto, che mai come in questi giorni si sente abbandonata a se stessa, le persone cercano di rifornirsi di quel minimo di acqua indispensabile per andare avanti: numerose persone sono in coda alle autobotti, o alle cisterne e fontane funzionanti. La tensione sale mentre arrivano segnalazioni di sciacallaggio e vendita sul mercato nero dell’ “oro blu”.

 

A peggiorare la situazione le cattive previsioni meteo che nei prossimi giorni con l’allerta nelle zone colpite dagli smottamenti, renderanno difficili gli interventi. Il sindaco di Messina, Renato Accorinti, ha chiesto l’intervento dello Stato e la proclamazione dello stato di calamità naturale. In queste ore in prefettura si sta studiando una “soluzione tampone”, ma passeranno almeno altri due giorni. Fuori dal Palazzo del governo c’è chi protesta e attende una risposta nazionale all’altezza della gravità della situazione.

 

 

Articoli simili
Petrolio in Adriatico: la mobilitazione contro Ombrina

Torna a Torino "Mini Maker Faire", la fiera all'insegna dell'innovazione e del riuso

Il Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri e l’Educazione Ambientale
Il Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri e l’Educazione Ambientale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini