29 Ott 2015

Messina senz'acqua. L'Italia si mobiliti!

È possibile che una città italiana di 250 mila abitanti rimanga senz'acqua per giorni? Se lo chiedono – indignati, esasperati, rassegnati– i cittadini di Messina, da sei giorni senz'acqua a causa di un guasto nella condotta di Fiumefreddo di Sicilia avvenuto a causa di una frana verificatasi sabato scorso a Calatabiano (Catania).

messina_sightseeingÈ possibile che una città italiana di 250 mila abitanti rimanga senz’acqua per giorni? Se lo chiedono – indignati, esasperati, rassegnati– i cittadini di Messina, da sei giorni senz’acqua a causa di un guasto nella condotta di Fiumefreddo di Sicilia avvenuto a causa di una frana verificatasi sabato scorso a Calatabiano (Catania).

 

Secondo i vertici dell’Anam, che gestisce la rete idrica, passeranno altri sei giorni prima che il guasto venga riparato. Ieri infatti si sono verificati nuovi problemi con altri smottamenti vicino la condotta danneggiata che hanno fermato i tecnici perché è stata nuovamente ricoperta dal fango. Si tratta di un’emergenza idrica senza precedenti. Anche oggi a Messina sono chiuse scuole, Università ed uffici pubblici per evitare problemi igienico sanitari.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Nella città dello Stretto, che mai come in questi giorni si sente abbandonata a se stessa, le persone cercano di rifornirsi di quel minimo di acqua indispensabile per andare avanti: numerose persone sono in coda alle autobotti, o alle cisterne e fontane funzionanti. La tensione sale mentre arrivano segnalazioni di sciacallaggio e vendita sul mercato nero dell’ “oro blu”.

 

A peggiorare la situazione le cattive previsioni meteo che nei prossimi giorni con l’allerta nelle zone colpite dagli smottamenti, renderanno difficili gli interventi. Il sindaco di Messina, Renato Accorinti, ha chiesto l’intervento dello Stato e la proclamazione dello stato di calamità naturale. In queste ore in prefettura si sta studiando una “soluzione tampone”, ma passeranno almeno altri due giorni. Fuori dal Palazzo del governo c’è chi protesta e attende una risposta nazionale all’altezza della gravità della situazione.

 

 

Articoli simili
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione
Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione

SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani
SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi