Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Ott 2015

Messina senz'acqua. L'Italia si mobiliti!

È possibile che una città italiana di 250 mila abitanti rimanga senz’acqua per giorni? Se lo chiedono – indignati, esasperati, rassegnati– i cittadini di Messina, da sei giorni senz’acqua a causa di un guasto nella condotta di Fiumefreddo di Sicilia avvenuto a causa di una frana verificatasi sabato scorso a Calatabiano (Catania).

messina_sightseeingÈ possibile che una città italiana di 250 mila abitanti rimanga senz’acqua per giorni? Se lo chiedono – indignati, esasperati, rassegnati– i cittadini di Messina, da sei giorni senz’acqua a causa di un guasto nella condotta di Fiumefreddo di Sicilia avvenuto a causa di una frana verificatasi sabato scorso a Calatabiano (Catania).

 

Secondo i vertici dell’Anam, che gestisce la rete idrica, passeranno altri sei giorni prima che il guasto venga riparato. Ieri infatti si sono verificati nuovi problemi con altri smottamenti vicino la condotta danneggiata che hanno fermato i tecnici perché è stata nuovamente ricoperta dal fango. Si tratta di un’emergenza idrica senza precedenti. Anche oggi a Messina sono chiuse scuole, Università ed uffici pubblici per evitare problemi igienico sanitari.

Nella città dello Stretto, che mai come in questi giorni si sente abbandonata a se stessa, le persone cercano di rifornirsi di quel minimo di acqua indispensabile per andare avanti: numerose persone sono in coda alle autobotti, o alle cisterne e fontane funzionanti. La tensione sale mentre arrivano segnalazioni di sciacallaggio e vendita sul mercato nero dell’ “oro blu”.

 

A peggiorare la situazione le cattive previsioni meteo che nei prossimi giorni con l’allerta nelle zone colpite dagli smottamenti, renderanno difficili gli interventi. Il sindaco di Messina, Renato Accorinti, ha chiesto l’intervento dello Stato e la proclamazione dello stato di calamità naturale. In queste ore in prefettura si sta studiando una “soluzione tampone”, ma passeranno almeno altri due giorni. Fuori dal Palazzo del governo c’è chi protesta e attende una risposta nazionale all’altezza della gravità della situazione.

 

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.