1 Apr 2016

Apre a Milano il primo nido famiglia vegan d’Italia

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Ambiente accogliente, menù vegano, frutta e verdura di stagione dell’orto, giocattoli in legno, pannolini lavabili, mobili in legno riciclato sono i punti di forza di Naturà, un’isola felice per genitori sostenibili nella Milano caotica.

Milano - Se il tuo desiderio è quello di lavorare con i bambini e contemporaneamente aiutare quei genitori che, avendo fatto scelte etiche, si trovano, spesso, ancora, a doversi destreggiare nella vita di tutti i giorni, puoi prendere spunto dall’idea di Federica Berrobianchi, che ha aperto a Milano, Naturà, il primo nido famiglia vegan e sostenibile.

 

natura1

 

Un sogno per Federica che diventa realtà, grazie prima di tutto al sostegno della propria famiglia, ma soprattutto all’incontro con i genitori dei bambini che hanno creduto in lei e nel progetto, permettendole di fondare l’Associazione Kune, “insieme”, parola chiave del progetto. La priorità, infatti, è coinvolgere bambini, famiglie e operatori dei servizi educativi, con l’obiettivo di garantire il benessere ai piccoli attraverso i più recenti studi pedagogici.

 

Nel nido famiglia aperto a Milano, che può ospitare al massimo cinque bambini dai tre mesi ai tre anni, “il rapporto educativo non vede il bambino isolato dall’ambiente in cui cresce, non esiste il genitore o l’educatrice, ma una coppia di genitori, che interagisce con l’educatrice, che interagisce a sua volta con il bambino, e così via, in un sistema di relazioni che influenzano atteggiamenti e comportamenti. Quando queste relazioni diventano ricche di significati, emozioni e affettività portano il bambino a costruire la propria identità, la propria evoluzione”.

 

natura4

 

Educare-secondo-natura è uno dei punti di forza che distingue questa realtà educativa dalle altre presenti sul territorio; i bambini che frequentano il nido e le loro famiglie vengono sensibilizzati riguardo alcune tematiche, come per esempio, il problema dei rifiuti, della raccolta differenziata, insegnando loro l’arte del riciclo creativo grazie a materiali di scarto e attività che favoriscono la manualità, sollecitano la fantasia e sviluppano la creatività. Nel nido non ci sono giocattoli pronti all’uso ma sono i bambini stessi a creare i loro “pezzi unici” quali animaletti, casette, macchinine, ecc., utilizzando materiali poveri come carta, cartone, ritagli di legno, stoffa e sughero, riposti nelle cassette.

 

In questa struttura si utilizzano solo pannolini lavabili, che, insieme alla raccolta differenziata, al compostaggio dei rifiuti organici e a altre accortezze, contribuiscono a ridurre il volume totale dei rifiuti, quindi, maggiore attenzione verso l’ambiente e la collettività; l’uso dei pannolini lavabili, inoltre, salvaguarda la salute dei bambini, poiché non vengono esposti a sostanze chimiche potenzialmente tossiche.Federica non si è risparmiata anche negli arredi, dove ha scelto con la massima attenzione e cura ogni mobile, libreria, scaffale, sia per evitare di creare un luogo potenzialmente pericoloso per i bambini, sia per salvaguardare l’ambiente. I mobili sono stati prodotti con legname ricavato nel rispetto delle foreste e trattato con vernici e impregnanti non tossici.

 

A tutti questi accorgimenti, se ne aggiunge un altro, il più importante, perché è quello che rende veramente unico – per il momento – questo nido famiglia: la scelta del menù giornaliero vegano. “Amiamo tutti gli animali perciò le nostre pietanze sono vegan al 100%, non facciamo uso di nessun alimento originato dal loro sfruttamento (non solo carne e pesce, ma altresì uova, latticini e miele)” racconta Federica, che oltre a coprire il ruolo di educatrice, elabora settimanalmente ogni menù (controllato ovviamente dal loro nutrizionista di fiducia vegano) e cucina i pasti per i piccoli, scegliendo ingredienti di stagione ed esclusivamente biologici certificati, per garantire l’estraneità da contaminazione di OGM, concimi e pesticidi chimici.

 

natura2

 

La frutta e la verdura servita ai bambini proviene dall’orto di famiglia o reperita a km 0. E come la mettiamo con i detersivi e i detergenti? Saranno totalmente cruelty-free e liberi da sostanze chimiche? Certamente sì, perché si utilizzano prodotti di uso comune come il bicarbonato, l’aceto, l’acido citrico e gli oli essenziali con i quali si può igienizzare e pulire ogni superficie. Mia nonna, di 99, che è ancora viva e in forma anche mentalmente, è davvero felice di sapere che ci sono ancora persone che rispolverano i loro consigli. L’associazione Kune, per chi fosse interessato, “offre un insieme di strumenti e di conoscenze che permettono l’avvio dell’attività: propone consulenza per lo start up, per l’arredo e l’immagine del nido, la fornitura didattica di tutto il materiale necessario per svolgere l’attività annuale, assistenza fiscale, gestionale e assicurativa del nido, e incontri di formazione con figure professionali specializzate nel settore infanzia” racconta Federica Berrobianchi a Genitori Veg.

 

 Foto del nido Natura

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli
Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

Le emozioni dei bambini viste da una filosofa
Le emozioni dei bambini viste da una filosofa

Come far crescere i bambini in un ambiente educativo sano? Ecco l’esempio di Malacatù
Come far crescere i bambini in un ambiente educativo sano? Ecco l’esempio di Malacatù

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”