15 Giu 2016

17 Visioni per cambiare l'Italia

Scritto da: Daniel Tarozzi

Cento rappresentanti di associazioni, imprese e movimenti hanno elaborato insieme 17 documenti tematici dai quali emerge una visione comune di come potrà essere l'Italia nel 2040, mettendo in atto azioni individuali e collettive mirate alla costruzione di un futuro diverso. Ora lo sappiamo con certezza: possiamo cambiare le cose dal basso e in modo profondo. La strada è tracciata, basta compiere il primo passo!

L’Italia non funziona. In Italia non sappiamo lavorare insieme. Gli italiani sono egoisti e rinchiusi nelle loro piccole visioni. L’Italia è il Paese in cui prevale la “sindrome nimby”! Le persone si attivano solo se li vai a toccare il loro piccolo giardino. Quanti luoghi comuni sul nostro Paese… Luoghi comuni condivisi, ripetuti come mantra, ma che spesso – provando a cambiare approccio.. – si rivelano totalmente falsi!

 

Noi ne eravamo convinti perché a partire dal 2012 abbiamo incontrato centinaia di progetti che si basano proprio sulla capacità di collaborare, sulle reti virtuali e reali, sulle comunità che si attivano, ma ora ne abbiamo anche la prova!

 

Siamo riusciti, infatti, seppur con grande fatica, a far collaborare oltre 100 “ambasciatori del cambiamento” per oltre tre mesi. Rappresentanti delle associazioni, delle imprese, dei movimenti dal basso. Portatori di istanze diverse, in alcuni casi persino contraddittorie, si sono seduti con noi intorno a 17 tavoli e, grazie anche alle tecniche di facilitazione che abbiamo appreso da “Comunitazione”, hanno elaborato dei documenti che ci dicono come possiamo concretamente cambiare le cose in 17 ambiti della vita. 17 ambiti fondamentali.

 

Scuola, salute, alimentazione, ambiente, lavoro, agricoltura, economia, (questione) tematiche di genere, comunicazione, energia, rifiuti, solo per citarne alcuni, sono i temi su cui abbiamo lavorato. E i risultati sono incredibili, incredibili per la loro semplice “rivoluzionarietà”.
Ora lo sappiamo con certezza. Tu, io, noi, possiamo cambiare le cose in modo profondo, dal basso, e possiamo farlo adesso.

 

future-of-innovation-management-five-key-steps-for-future-success

 

VISIONI 2040 

 

Per prima cosa abbiamo chiesto ai nostri ambasciatori di fare una fotografia dello stato attuale del loro ambito di competenza, dall’energia all’abitare, dalla salute, all’educazione, dall’imprenditoria, alla legalità. È incredibile come in quasi tutti i casi sia stato più facile trovare problemi e punti critici rispetto a pratiche virtuose e punti di forza. Ma non ci siamo scoraggiati. Abbiamo infatti chiesto ai nostri amici di sognare, ma sognare in modo concreto.

 

“Come potrebbe essere – nel migliore dei mondi possibili, possibili veramente considerando mafie, burocrazia, crisi ecc – l’Italia nel 2040?” Questa domanda, apparentemente semplice, ha scatenato la capacità di progettare un altro Paese, un Paese possibile, sostenibile, a tratti felice. Sono uscite potenzialità inaspettate in tutti gli ambiti e queste si sono rivelate tali quando abbiamo chiesto ai nostri sognatori di indicarci il cammino per raggiungere questi obiettivi. Anche qui visione e concretezza si sono contaminati e la strada è stata tracciata in modo forte e inequivocabile. Ora sappiamo quindi dove possiamo e vogliamo andare. Si tratta solo di compiere il primo passo!

 

COSA POSSO FARE IO ADESSO?

 

Ma non è finita qui. Abbiamo infatti chiesto a tutti i nostri ambasciatori di lavorare sul presente e di farlo su tre livelli: il cittadino “semplice”, il professionista o l’imprenditore, il politico. Anche qui la domanda era semplice ma rivoluzionaria: “Cosa posso fare adesso, in questo contesto, come cittadino, professionista o politico per cambiare concretamente le cose con le mie azioni quotidiane”? E anche qui le risposte sono state infinite, tanto che il nostro sforzo più grande non è stato quello di trovare proposte o azioni incisive, quanto selezionare tra le tantissime che emergevano quelle da proporre e da inserire nei nostri documenti.

 

working_together_concept

 

LAVORARE INSIEME

 

Grazie alla facilitazione, alla mancanza di “carte dei valori da firmare”, a obiettivi chiari e concreti, siamo quindi riusciti a lavorare tutti insieme per costruire una visione di futuro; abbiamo tracciato le azioni da compiere per raggiungerlo; abbiamo scoperto cosa possiamo fare nel frattempo per contribuire ogni giorno al cambiamento positivo della società e della nostra vita. È stato entusiasmante vedere come le energie si mischiavano, le forze si moltiplicavano, come grazie a semplici tecniche si evitava che i “soliti” parlassero tutto il tempo a discapito degli altri. Noi italiani spesso siamo allergici alle tecniche, agli strumenti. Siamo bravi a improvvisare ma meno a usare metodo. Se riusciamo a unire le due cose, invece, possiamo accrescere infinitamente le nostre potenzialità ed è quanto abbiamo fatto.

 

Come detto il lavoro è stato lungo e faticoso. Dal concepimento dei tavoli, all’apprendimento delle tecniche di facilitazione, al lavoro vero e proprio dei gruppi, alla riscrittura successiva, è passato un anno. Un anno di lavoro intenso ed esaltante, culminato nell’aprile 2016 con la pubblicazione del nostro lavoro.

 

Ora non ci resta che mettere in pratica quanto emerso da questi tavoli. È un lavoro migliorabile (e si può commentare ed emendare on line). È un lavoro che può essere messo in discussione. È un lavoro provvisorio. Mancano molti temi fondamentali (immigrazione, arte, politica e molti altri ancora su cui lavoreremo nei prossimi mesi). Ma già ora possiamo realizzare cambiamenti concreti e profondi nel nostro Paese. Proprio adesso.

 

LE CAMPAGNE MENSILI

 

Abbiamo quindi, di fatto, gettato le basi per una grande rete liquida. Una rete che si forma su determinati obiettivi e si scioglie un attimo dopo. Una rete faticosa, complessa, ma dalle straordinarie potenzialità. Da ottobre faremo un ulteriore passo in questa direzione. Sceglieremo ogni mese un tema e inviteremo tutti i partecipanti ai nostri tavoli e le relative reti ad attivarsi su quel tema specifico. Le potenzialità di queste azioni sono evidenti. Scorrete l’elenco dei partecipanti e provate a immaginarli agire in modo compatto coinvolgendo i loro bacini di riferimento… La moltitudine inarrestabile di cui tutti noi siamo parte può diventare davvero protagonista di cambiamenti collettivi!

 

13407030_1086935158044075_7252970005365035090_n

 

LA CAMPAGNA DELL’1% 

 

Esiste già, quindi, un’altra Italia, diversa da quell’immagine di crisi e decadenza che i mass media ci restituiscono ogni giorno. È fatta di uomini e donne che costruiscono un paese migliore, più sostenibile, più rispettoso delle persone, del territorio e delle nostre mille culture. Il cambiamento si avvera solo con le azioni e progetti concreti. Con Italia che Cambia ne abbiamo già mappate migliaia. Ora è il momento di rimboccarsi le maniche e di cominciare ad attivarsi, insieme. Per innescare un cambiamento sociale nel nostro paese non serve raggiungere la maggioranza delle persone.

 

Basta l’1% della popolazione che si attivi concretamente. Il nostro obiettivo è quindi quello di connettere un gruppo di 600.000 Agenti del Cambiamento. Per farlo abbiamo attivato una campagna (la campagna dell’1% appunto). Chiediamo alle persone di dedicare l’1% del loro tempo (circa 4 ore al mese) e l’1% del loro stipendio (ad esempio dieci euro se si guadagnano mille euro al mese) per il cambiamento del Paese. I primi gruppi di agenti del cambiamento si stanno già ritrovando in molte parti d’Italia. Insieme possiamo davvero cambiare le cose. Noi ci stiamo provando. E tu?

 

Attivati per il cambiamento!

 

 

Articoli simili
Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia
Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

Informazione costruttiva? La facciamo ogni giorno raccontando il cambiamento!
Informazione costruttiva? La facciamo ogni giorno raccontando il cambiamento!

Sicilia Che Cambia: noi siamo pronti… e voi?
Sicilia Che Cambia: noi siamo pronti… e voi?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Negozio Leggero, dove fare la spesa alla spina per un nuovo commercio di vicinato

|

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

|

EcoPlanner, eventi green perché a festeggiare sia anche la Terra

|

Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

|

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri