29 Ago 2016

Stand Up for Africa: racconti dal laboratorio

Scritto da: Daniela Bartolini

L'arte contemporanea al servizio dei diritti e dell'integrazione sociale. E' iniziato il laboratorio che coinvolge studenti dell’Accademia di Belle Arti e migranti ospiti in Casentino nella residenza/laboratorio di Hymmo Art Lab a Pratovecchio.

Ha preso il via la prima sessione di lavoro del progetto “Stand Up For Africa” che attraverso l’arte contemporanea vuole trovare nuove strade per colmare la frattura sociale e umana tra le persone che abitano il territorio: tra locali e migranti e la realtà dei migranti.
Presso lo spazio d’arte Hymmo Art Lab di Pratovecchio, casa studio dell’artista Paolo Fabiani e sua moglie Rossella Del Sere, migranti e studenti dell’Accademia stanno creando fianco a fianco le opere che andranno a realizzare la mostra Stand Up For Africa, curata dal Prof. Giandomenico Semeraro, vicedirettore dell’Accademia di Belle Arti di Firenze.

Studenti e giovani africani lavorano sotto la guida della Dott.ssa Anna Pagani, storica dell’arte e facilitatrice culturale che curerà l’altra mostra del progetto, Click to Remind, che partirà dalle foto scattate con i cellulari dai migranti. Immagini che raccontano avventure e dettagli di una realtà spesso lontana dai nostri occhi. Sono state realizzate anche interviste video agli abitanti del comune per conoscere elementi della storia locale riguardo all’emigrazione e scoprire come è percepita la presenza dei rifugiati in Casentino.

Nell’arte migranti e studenti trovano un modo per elaborare tutto questo, in una creazione fortemente influenzata dal rapporto personale che si crea nella residenza artistica. Daniele Acciai, di Soci, 27 anni, realizzerà una scultura modellando il materiale sul corpo, riproducendo i tratti somatici suoi e di Ibrahim Jatta, 34 anni del Gambia, formando un tutt’uno scultoreo. Adriana Amoruso 25 anni di Trani, con Ishac Issifou, 21 anni del Benin, lavorano a un progetto sul tema dell’incapacità di uno Stato di proteggere i cittadini. Samantha Balducci, 24 anni di Sora (Fr), cucirà, pezzi di stoffa di diversa foggia formando una maschera africana insieme a Marvin Iriemi, 34 anni Nigeriano, e a Lassine Doumbia 22 anni del Mali. Camilla Pratolini, ventenne di Bagno a Ripoli, lavora su due figure abbracciate: la prima è lei stessa, la seconda è Christian Chioke, Nigeria 20 anni; l’opera è sostenuta dal supporto tecnico di Lamin Kanji, 23 anni gambiano. Serena Rosati di Prato, 43 anni, lavora con Lassine Doumbia, 22 anni del Mali, sul concetto della perdita d’identità e Franco Spina 24 anni calabrese di Paola, realizzerà un’installazione sull’insostenibilità di un viaggio impossibile. Jiwei Yuan, cinese, 26 anni, sta facendo un grande quadro che ritrae Marvin Iriemi, Mouhamed Yayetraore del Benin, Oumar Fadiga del Mali e Ishac Issifou.

Ad Hymmo Art Lab l’arte contemporanea diventa strumento di azione sociale, ponte per comunicare l’incontro, lo sguardo, il cuore ed anche per sensibilizzare, promuovere e formare il territorio ai temi dei diritti umani, dell’accoglienza e della convivenza.
A Pratovecchio si respira aria di cambiamento in attesa dell’inaugurazione delle mostre Click to remind e Stand up for Africa, il 24 settembre alle ore 17.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti
La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

L’impegno di Nicolò Govoni: “L’educazione può cambiare il mondo, un bambino alla volta”
L’impegno di Nicolò Govoni: “L’educazione può cambiare il mondo, un bambino alla volta”

Un gesto che scalda: un progetto per dare una mano a chi ha bisogno
Un gesto che scalda: un progetto per dare una mano a chi ha bisogno

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”