16 Set 2016

Le Bag Ladies trasformano i sacchetti di plastica in letti per i senzatetto

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Un gruppo di donne del Tennessee ha trasformato diecimila sacchetti di plastica in materassini per i senzatetto. Un'altra prova che la metamorfosi individuale, quando trova l’alleanza e il sostegno di altri individui, si trasforma in un gesto utile alla società.

Agire subito, in fretta, senza pensarci troppo: è la cosa migliore che possiamo fare per affrontare i problemi sociali e ambientali. Se un’idea brilla nella nostra testa, alimentiamola, cercando di capire come poterle dare forma, invece di soffocarla, pensando che sia inutile, improponibile o inattuabile. Ogni gesto individuale, sommato a tante piccole azioni messe in atto quotidianamente dalla comunità, può fare la differenza, che si tratti di qualcosa di piccolo, come ricordarsi di portare con sé, per esempio, un sacchetto di tela in cui mettere i nostri acquisti o di qualcosa di più grande, come proteggere l’ambiente, valorizzando i rifiuti.

 

Questa è la filosofia applicata da un gruppo di signore del Tennessee, che hanno trasformato diecimila sacchetti di plastica in materassini per i senzatetto. Due settimane di lavoro per creare una stuoia da donare a chi non ha un letto. Le Bag Ladies, così sono state soprannominate, si incontrano ogni giovedì mattina, per tagliare, “filare”, assemblare le stuoie di plastica, compiendo un’azione gentile non solo verso le persone, ma anche verso l’ambiente, perché quasi sicuramente, quei 10.000 sacchetti di plastica sarebbero finiti nelle discariche o nell’oceano.

 

Le Bag Ladies hanno trasformato diecimila sacchetti di plastica in materassini per i senzatetto

Le Bag Ladies hanno trasformato diecimila sacchetti di plastica in materassini per i senzatetto


 

Ogni anno, quasi 9 milioni di tonnellate di plastica finiscono nei mari, il 95% degli imballaggi viene utilizzato una sola volta nella sua breve “vita”, mentre solo il 14% delle confezioni di plastica sono raccolte per essere riciclate. 700 specie marine, grandi e piccole, sono minacciate dalla sua presenza. Gli scienziati ci prospettano uno scenario apocalittico: gli oceani saranno popolati da 1 tonnellata di plastica per 3 di pesce entro il 2025 e, nel 2050, ci saranno più oggetti di plastica che animali! Gli abitanti dei mari di ogni latitudine saranno sostituiti da materie inorganiche animate dalle onde.

 

Le Bag Ladies, considerando questi dati allarmanti, stanno facendo qualcosa di importante, non solo per la loro comunità, ma, soprattutto, per il benessere del nostro pianeta e la salvaguardia di preziose vite animali. “Abbiamo creato più di 160 stuoie con 10.000 sacchetti di plastica. Ci sentiamo davvero fortunate ad essere in grado di fare tutto ciò, e, ora, ci piacerebbe che altre persone, ovunque si trovino, si incontrino per dare vita a nuovi gruppi di lavoro. Se il nostro piccolo team può fare così tanto, possiamo immaginare quale cambiamento potrebbe apportare l’unione di tante persone? Le Bag Ladies sono davvero fortunate; è una sensazione bella quella di riuscire ad aiutare qualcuno ” dichiara Janice Akin, 66 anni, a ABC News.

 

HT_Bag_Ladies1_hb_160914_12x5_1600

 

Il mondo è segnato da problemi sociali e ambientali ma ognuno di noi può essere il cambiamento che vogliamo per il pianeta, gli animali e le persone meno fortunate. Come? Iniziando ad agire! Lasciamoci travolgere dalle buone azioni! Non rassegniamoci chiudendoci nella nostra individualità, ma ripartiamo da noi, dal nostro quartiere, individuando le realtà già attive sul nostro territorio. Riappropiamoci degli spazi comuni o inutilizzati per incontrarci, per esempio, creando luoghi dove le buone idee, intrise di sogni e speranze, possano diventare bolle colorate, leggere, capaci, fluttuando nell’aria, di rilasciare valori, conoscenze e competenze.

 

 

Articoli simili
Il futuro del circo senza animali

Inumanimal, uno spettacolo sullo sfruttamento degli animali

Animali nel codice civile: cosa cambierebbe?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo