13 Set 2016

“Futurando… si impara!”: a Perugia il festival della sostenibilità

Scritto da: Leonardo Spina

Una fucina di pensiero, un crocevia di persone, di idee e progetti, dove insieme si prova a costruire una nuova realtà sostenibile. Si terrà il 17 ed il 18 settembre a Ponte Pattoli, in provincia di Perugia, la sesta edizione di “Futurando... si impara!”. Italia che Cambia, mediapartner del festival, sarà presente all'evento.

Una kermesse per guardare lontano ed affermare nuovi stili di vita, nuovi saperi, nella difesa della territorialità, in una regione delicata, come l’Umbria, cuore di un’Italia che deve cambiare.  “Futurando… si impara!”  è un mercato pieno di profumi e di colori, giochi di incontri, nel quale spettacoli e laboratori e una nutrita serie di conferenze tenute da personaggi di spicco, divengono il sale per la ricerca di una via possibile per costruire una nuova realtà sostenibile. Tutto questo avverrà nel fine settimana del 17 e 18 settembre a Villa Taticchi di Ponte Pattoli, Perugia. 

 

futurando

 

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Questa è la sesta edizione del festival ideato da Francesca Taticchi, che mette a disposizione Villa Taticchi e il suo parco sulle rive del Tevere, e organizzato in collaborazione con l’Associazione Gaia e molte altre realtà regionali. Torna il popolo che si sente già futuro, con idee e progetti che vogliono costruire una nuova realtà, non più il “mondo alla rovescia” ormai giunto al capolinea, ma un mondo al “dritto”, dove ad essere promossa è la qualità: della vita, delle produzioni, delle relazioni, delle azioni, del pensiero, delle emozioni, dei valori.

 

Dunque una fucina di pensiero, un crocevia di persone che vogliono recuperare e valorizzare luoghi, tradizioni e saperi della terra umbra e contemporaneamente non chiudersi nel particolare restando ben aperti verso il risveglio generale che pian piano si delinea. C’è ottimismo, in questo, perché si è finalmente consapevoli di non essere isolati e di avere grandi valori da mettere sul piatto. In effetti – dicono gli organizzatori, “qui la vera ricchezza non è più il denaro ma il saper fare, e la vera felicità non è più associata al mero benessere economico ma a valori come la condivisione, la solidarietà e la piena espressione dell’ individuo attraverso il lavoro”. Un lavoro non più inteso come “fatica”, ma come “arte”, l’arte del “muovere l’ingegno”.

 

futurando2

 

Una manifestazione – Futurando – al “gerundio”, cioè nel segno del qui e ora: nella mappa della Villa Taticchi ci sono infatti molti altri “gerundi”, punti di attrazione come: Coltivando, Lavorando, Riducendo, Prendendosi Cura, Giocando, Crescendo, Danzando, Dialogando, Mangiando e Musicando nei quali decine di attività, esposizioni, parole ed azioni assumono il senso del grande cantiere creativo.

 

Le conferenze sono raggruppate in tre aree tematiche: Economia e società – Educazione e fare rete – Benessere e alimentazione. A queste sono accostate proiezioni di film e dibattiti derivati dalle presentazioni e conferenze. Significativa la partecipazione di Italia che Cambia, attraverso i suoi “speciali” Agenti del Cambiamento, come Daniela Bartolini, Carolina Oro, Piergiorgio Faraglia, Roberto Battista, Leonardo Spina, Filippo Bozotti e altri ancora.

 

 

Articoli simili
Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana
Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte

Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi
Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi