17 Ott 2016

Adotta una finestra al Lanificio

Scritto da: Daniela Bartolini

Iniziativa di Slow Food per contribuire al restauro dell’antico lanificio. Cena degustazione di prodotti e vini locali in collaborazione con Slow Food Casentino. Sabato 22 ottobre al Museo dell'Arte della Lana di Stia.

C’è ancora tempo fino al 19 ottobre per iscriversi all’evento di sabato 22 ottobre organizzato dalla condotta casentinese di Slow Food dal titolo “Al lanificio per il lanificio”. La serata prevede una cena degustazione di prodotti e vini locali per contribuire al restauro degli infissi del padiglione espositivo del Museo dell’Arte della Lana di Stia. Da qui lo slogan della manifestazione: “Adotta una finestra”.

Partecipano con i loro prodotti varie aziende del territorio: Le Selve di Vallolmo, Bio Forno “Bio Giorno”, Azienda Agricola Cervoli, Società Agricola Casa Righi, Azienda Agricola Rivoletto, Cooperativa Agricola La Mausolea, Cantina di Ornina. La cifra di partecipazione richiesta è di 40 euro, con l‘intero ricavato destinato al restauro degli infissi dei padiglioni espositivi oggi ricavati all’interno dell’edificio che fu uno dei primi e più importanti poli produttivi della vallata, legato alla produzione e commercializzazione del panno Casentino.

Per iscrizioni: info@museodellartedellalana.it.

Articoli simili
Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale
Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

Raccolti: nuove narrazioni tra cultura e agricoltura nella città del riso
Raccolti: nuove narrazioni tra cultura e agricoltura nella città del riso

Luca Spennato, il fotografo di strada che scatta e sviluppa sul suo laboratorio a pedali
Luca Spennato, il fotografo di strada che scatta e sviluppa sul suo laboratorio a pedali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento