24 Ott 2016

Legge sul caporalato, ecco cosa cambia nelle campagne italiane

Scritto da: Elena Risi

È stata definitivamente approvata la legge sul caporalato che, tra le altre cose, estende la condanna non più soltanto al caporale, intermediario tra l’azienda e il bracciante, ma anche al datore di lavoro stesso che impiega personale reclutato dai caporali. Si tratta di un primo passo importante nella lotta contro lo sfruttamento dei lavoratori nelle campagne italiane. La strada, però, è ancora lunga...

Il 18 ottobre è stata approvata in via definitiva dalla Camera dei Deputati la legge sul caporalato. Il testo, presentato dal ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha l’obiettivo di contrastare lo sfruttamento della manodopera agricola nelle campagne italiane.

 

Cosa cambia? La legge riscrive il reato ed estende la condanna non più soltanto al caporale, intermediario tra l’azienda e il bracciante, ma anche al datore di lavoro stesso che impiega personale reclutato dai caporali. Già nel 2011 era stato introdotto il crimine di caporalato all’interno del codice penale ma si era dimostrato come un atto puramente demagogico e non aveva portato alcun cambiamento. Il caporale diventava infatti il capro espiatorio di ingiustizie e squilibri insiti nell’intera filiera alimentare, si salvavano i proprietari d’azienda e si punivano solo i casi in cui lo sfruttamento coinvolgeva più di quattro persone, o i minorenni o se la persona sfruttata veniva messa in grave pericolo di vita.

 Egypt-agriculture-development-economic-foreign-aid-assistance-US (1)

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

 

Con la nuova legge è prevista la reclusione del caporale da uno a sei anni e una multa da 500 a mille euro per ogni persona reclutata. In alcuni casi è stabilita per il proprietario la confisca dei beni, i cui proventi entreranno nelle casse del fondo antitratta. Nel testo sono previste inoltre alcune misure di tutela del lavoro agricolo destinate soprattutto ai braccianti.

 

La nuova legge è stata accolta con soddisfazione perché introduce cambiamenti importanti, ma nello stesso tempo deve essere considerata solo l’inizio di una strada ancora lunga da percorrere. “Introdurre la responsabilità delle aziende è un grande salto culturale – scrive TerreLibere.org, promotrice dell’iniziativa #FilieraSporca insieme a daSud  e Terra! Onlus – fino a adesso le grandi aziende dicevano di non sapere cosa succede ai livelli più bassi della filiera e quelle piccole si difendevano con la necessità dello sfruttamento”.

 

Ma alcuni punti ancora non piacciono. Si mantiene un approccio prevalentemente repressivo, non si prevedono ipotesi di sfruttamento oltre il caporalato (sebbene esistano e rappresentino una realtà consolidata) e, infine, sembra una legge di difficile applicazione nella realtà. Se un primo passo è stato fatto, bisogna continuare a camminare.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del lavoro in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

Antonio: “Lascio tutto e vado a vivere in un borgo abbandonato”
Antonio: “Lascio tutto e vado a vivere in un borgo abbandonato”

Agriexperience, scoprire l’Italia rurale in modo lento e sincero
Agriexperience, scoprire l’Italia rurale in modo lento e sincero

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani